The Second Version

30/11/06

Parole vuote

La'ltro giorno stavo camminando per Parma - Via D'Azeglio, per la precisione - quando appese alla ringhiera di un balcone ho visto un paio di lenzuola di Legambiente con il motto "NO ALLO SMOG". E più sotto "Un altro mondo è possibile".

A parte il secondo slogan, che ormai a forza di usarlo ed abusarlo si è consumato come le pastiglie dei freni di una Duna, il principio è anche nobile e condivisibile. Quale persona sana di mente è a favore dell'inquinamento?

Ma rimane comunque uno slogan vuoto, perchè non ci dice nulla sulle origini del problema, e su come affrontarlo. E' qualcosa di efficace da scrivere, declamare o cantare in coro, ma non ha utilità pratica.

Non basta desiderare che lo smog sparisca perchè una mattina ci si trovi con l'aria pura come sul Monte Molinatico - così come non basta desiderare molte altre cose per farle avverare.

Etichette: ,

3 Commenti:

  • Perfettamente d'accordo. Come quei cartelli che un ventennio fa si leggeva sul confine di un comune: "Comune denuclearizzato". Magari ai confini con la Francia o la Svizzera dove era situata una centrale nucleare ...
    Ecco il genere di .... belinate direbbero a Genova che ci hanno portato alla situazione attuale.

    Di Blogger Monsoreau, Alle 30/11/06 19:34  

  • Che la terra sia allo spasmo è quasi una realtà, che si voglia trovare un modo per uscirne... forse... ma i costi ? Siamo disposti a pagarne i costi e non solo finanziari ? Fino ad oggi NO e il no vale anche per gli ambientalisti che non rinunciano al benessere (salvo pochissimi e rari esemplari in via di estinzione). Siamo disposti a non scaldarci più con il gas... a mangiare frutta, carni, ecc. di produzione industriale ?? ad andare in bici o con mezzi elettrici ? a spendere per un energia diversa ? E si parla di migliaia di euro/mese perchè i più poveri non possono permetterselo e cosi sarebbero i più ricchi a dover sborsare ... ma quando mai, come si è visto all'ultima riunione dei paesi industrializzati, nessuno vuole spendere, anzi piuttosto che spendere soldi per risanare l'ambiente preferiamo che tutto vada a rotoli, tanto quando succederà la maggior parte di noi sarà già passata amiglior vita, per ciò: chissenefrega !! Questo è ormai il pensiero globale: risanare costa troppo.

    Di Anonymous Bruno, Alle 6/1/10 16:57  

  • Meglio tardi che mai, il post è del 2006...

    Comunque, dici poco. "Risanare" l'ambiente nel modo che dici tu significa tornare alle condizioni di vita degli anni '30 più o meno. E significa anche che il modno non potrebbe sostenere la polpolazione attuale. Che fare di quei miliardi di persone in più?

    Di Blogger Fabio, Alle 7/1/10 07:56  

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]



Link a questo post:

Crea un link

<< Home page