The Second Version

14/03/10

Zitti Zitti

I tranzisti continuano a lavorare - questa volta pressoché sotto al mio naso, in quel di Parma.

L'evento che si è chiuso ieri si chiama Quinta Conferenza Ministeriale su Ambiente e Salute, Parma 10-12 Marzo 2010 e queste ne sono le intenzioni dichiarate:
I ministri di 53 Paesi europei si incontrano a Parma per valutare il loro operato sulla protezione della salute dai rischi ambientali e per combattere le minacce emergenti.

La nostra salute è oggi piu' che mai vulnerabile a contaminazioni e cambiamenti dell'ambiente in cui viviamo. L’impatto dell’ambiente e' amplificato da ridotte risorse finanziarie, crescenti diseguaglianze socioeconomiche e di genere, eventi climatici estremi più frequenti. Proteggere la salute oggi richiede interventi ad alta efficacia.

Sulla soglia dei 20 anni di azione europea sulla salute ambientale, la Quinta Conferenza Ministeriale valuterà se e come gli impegni presi dai paesi sui principali fattori di rischio sono stati mantenuti, e definirà l’agenda europea sulle sfide di salute ambientale per gli anni a venire. I temi della conferenza includono la protezione della salute da rischi quali acqua e igiene inadeguate, scarsa qualità dell’aria, infortuni e attività fisica, sostanze chimiche nocive, e nuove minacce come gli eventi estremi dovuti al cambiamento climatico.

Ci si attende che la Dichiarazione finale rafforzi gli impegni firmati dai governi europei cinque anni orsono per ridurre l’impatto dei maggiori rischi ambientali e accrescere l’attenzione alle minacce emergenti. La Conferenza lancerà anche un piano d’azione su cambiamento climatico e salute in Europa.

L’Ufficio europeo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità organizza la Conferenza in collaborazione con il governo italiano, rappresentato dal Ministero della Salute e dal Ministero dell’Ambiente, Terra e Mare, e insieme al Comitato Europeo Ambiente e Salute che guida il processo. Oltre ai ministri, parteciperanno esperti, commissari europei e delegazioni della società civile.
Non so voi, ma io già sento un senso di inquietudine. Se non altro per il solito martellamento sui cambiamenti climatici e le "differenze di genere" e per la sensazione diffusa di allarmismo, di dover prendere provvedimenti drastici prima che la catastrofe sia inevitabile.

I soliti noti ci sono tutti, come il WHO ed altri esponenenti dell'ONU. La Dichiarazione di Parma, il risultato della conferenza, è per ora disponibile solo in inglese qui come PDF.

Leggerla è doloroso, ma utile per conoscere il nemico. Ci troviamo perle di questo tipo (Pag 6, Commitment to Act):
iv. We aim to provide each child by 2020 with access to healthy and safe environments and settings of daily life in which they can walk and cycle to kindergartens and schools, and to green spaces in which to play and undertake physical activity. In so doing, we intend to prevent injuries by implementing effective measures and promoting product safety.

v. We will implement the WHO European Action Plan for Food and Nutrition Policy (2007–2012), in particular by improving the nutritional quality of school meals, and support local food production and consumption, where it can reduce environmental and health impacts.
Per i bambini... in questo tipo di prescrizioni ci può stare dentro di tutto. Già mi vedo i pargoli nutriti con dieta approvata dalla UE che giocano in paesaggi rispondenti alle norme ONU vestiti di indumenti protettivi ecocompatibili che li proteggano da traumi, graffi e raggi UV senza offendere Madre Terra.

E guardo le cicatrici sulle ginocchia che mi sono fatto tipo ad 8 anni cadendo dalla bicicletta su una strada inghiaiata, e divento triste perchè in un futuro prossimo venturo qualcosa del genere sarà considerato aberrante, roba da genitori degeneri.

E guai a pensare che i cambiamenti climatici di questi tempi non siano poi così catastrofici (Pag. 8):
iv. develop and implement educational and public awareness programmes on climate change and health, to encourage healthy, energy-efficient behaviours in all settings and provide information on opportunities for mitigation and adaptation interventions, with a particular focus on vulnerable groups and subregions;
Benvenuti in Europa e nell'ONU. Io credo che stanotte avrò gl'incubi.

Etichette: , ,

2 Commenti:

  • E' il nuovo "tranquillo totalitarismo" che avanza sotto il nostro naso.

    The idea of a political party which embraces all activities of the individual from the cradle to the grave, which claims to guide his views on everything, was first put into practice by the socialists. It was not the fascists but the socialists who began to collect children at the tenderest age into political organization to
    direct their thinking. It was not the fascists but the socialists who first thought of organizing sports and games, football and hiking, in party clubs where the members would not be infected by other views. It was the socialists who first insisted that the party member should distinguish himself from others by the modes of greeting and the forms of address. It was they who, by their organization of ‘cells’ and devices for the permanent supervision of private life, created the prototype of the totalitarian party.
    F.A.Hayek

    Articolo su argomento similare:

    http://www.ornery.org/essays/warwatch/2010-02-14-1.html

    Di Anonymous Wellington, Alle 15/3/10 13:29  

  • I nuovi forni crematori saranno alimentati a biomasse, o biogas?

    Oppure useranno specchi concentratori di luce solare?

    Di Blogger Fabio, Alle 15/3/10 22:41  

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]



Link a questo post:

Crea un link

<< Home page