The Second Version

05/04/10

Democrazia in Saldo

Nella civile Londra, una città per definizione anni luce avanti a quello che noi poveri italiani possiamo mai sperare:
"I clienti in coda che non sono riusciti a entrare si sono innervositi racconta il responsabile del negozio alcuni hanno cominciato e essere violenti con noi e con altri clienti, quindi abbiamo deciso di chiudere. Ci sono stati un sacco di problemi, è dovuta intervenire la polizia, siamo molto delusi”.
Nella democrazia pura, il voto di uno di questi ominidi vale quanto quello di chiunque altro, vi faccio notare.

E che fine ha fatto lo Homo Novus Europaeus, quello che si è tanto evoluto socialmente da superare l'uso della violenza per risolvere i problemi? Qualcuno dice che basta saltare un paio di pasti per portare l'uomo civile alla barbarie - ma ora pare che una svendita sia sufficiente.

Etichette: , ,

3 Commenti:

  • Da persona che ha lavorato come buttafuori a Londra (quando ero giovane e magro) posso dire di non essere stupito per niente. E' un posto dove piace menare le mani. Di fatto questo genere di notizie quasi mi tranquilizza, mi ricorda la "mia" Londra della prima metà dei '90, all'opposto di quella newagey-touchie-feeley-politically-correct-let's-have-an-organic-fruit-juice-with-tofu-on-the-side che ho visto crescere negli anni successivi

    PS: quand'è che vieni su Facebook così ti si può sentire più spesso e posso tormentarti con i miei problemi di hardware? Ormai ci sono tutti tranne te e Bisquì.

    Di Anonymous Wellington, Alle 5/4/10 21:09  

  • In effetti se c'è un contrasto stridente è quello fra il tipico bulldog di inglese "working class" e l'urbanita politicamente corretto.

    Poi un paio di scazzottate nella bettola di pub a Kensal Rise (con il barista italiano) le ho viste pure io.

    Non so se questo genere di notizie proprio mi tranquillizza, ma di sicuro conferma la mia idea, che la natura umana non sia cambiata poi tanto dai tempi degli Unni o dei predoni vichinghi.

    Facebook? Mi ispira poco... forse sotto un'identità di copertura.

    Di Blogger Fabio, Alle 5/4/10 21:20  

  • Guarda, nemmeno a me mi ispirava, ma Facebook non è così brutto come lo si dipinge. In ogni caso c'è gente sotto la sua vecchia identità da blogger, Grendel per esempio.

    Di Anonymous Wellington, Alle 6/4/10 12:03  

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]



Link a questo post:

Crea un link

<< Home page