The Second Version

06/11/11

Piangere Sul CS Sparato

Da qualche tempo - dai giorni degli scontri in Val di Susa - leggo qua e là su Internet che le forze dell'ordine italiane userebbero granate lacrimogene "proibite dalle convenzioni internazionali" - qui c'è un esempio di quello di cui parlo.

Ora, queste granate sono caricate con CS, e questo non è un mistero visto che è scritto sulle munizioni stesse, e pure nei documenti ufficiali che riguardano le procedure di polizia. Perchè il CS sarebbe proibito, non è mai spiegato in modo molto chiaro, tranne che definendolo arma chimica. Visto che pure il fosforo bianco, ai tempi, fu definito arma chimica, la spiegazione non mi convince.

Allora ho cercato maggiori informazioni e tramite Wikipedia ho trovato un breve compendio della legislazione rilevante (PDF).

Già dal titolo, "ARMI CHIMICHE E LIBERA MANIFESTAZIONE DEL PENSIERO: CENNI DI DIRITTO INTERNAZIONALE E DI DIRITTO INTERNO", il documento sembra un pochino sbilanciato, ma almeno cita le fonti correttamente.

Vi invito a leggerlo per trarre le vostre conlusioni, ma a me sembra che il CS possa essere definito "arma chimica" soltanto a forza di ragionamenti cavillosi e stiracchiando le definizioni.

Tra l'altro la CWC del 1993 esplicitamente permette l'uso di agenti chimici come il CS in funzione anti-sommossa - mentre lo vieta in operazioni militari. Una spiegazione per questa decisoone apparentmente insensata è che l'impiego di CS in operazioni militari potrebbe facilmente portare il nemico ad usare armi chimiche molto più letali per rappresaglia.

Poi il documento che ho citato sopra ci fa anche capire perchè spesso la polizia si trovi fra l'incudine ed il martello, criticata se fa poco e criticata se agisce con durezza:
Vi sono peraltro ulteriori rilevanti questioni circa il rispetto delle regole d’ingaggio, le autorizzazioni del Ministero della Sanità (anche per la “mancanza” – a che si conosce - del requisito di reversibilità degli effetti della miscela al CS!), gli effetti della esposizione degli abitanti e i profili di eventuali reati ambientali – anche per una eventuale applicazione della recente massima della Cassazione a Sezioni Unite in tema di disastro ambientale e risarcibilità de danno morale (Cassazione SS.UU. civili, sentenza n° 2515 del 21/02/2002 – cd. Sentenza Seveso) - connessi all’uso massiccio della miscela al CS. Il Genoa Legal Forum sta lavorando per verificare questi ed altri ulteriori profili allo scopo di sollecitare un eventuale intervento della magistratura.
Disastro ambientale per l'uso dei lacrimogeni... vabbè.

Etichette: , ,

2 Commenti:

  • Ormai i fatti o anche la semplice logica non contano più niente. Se il tuo nemico designato ha un'arma che ti crea problemi metti in giro la voce che è "proibita" o "inumana". E' quella che chiamano lawfare, ma tanto funziona solo con noi fichette occidentali.

    Di Anonymous Wellington, Alle 6/11/11 13:25  

  • Dovevo mettere il poste nella categoria "Declinodellaciviltàoccidentale", anche.

    Già, in Indonesia di lamentele del genere non se ne sentono molte.

    Di Blogger Fabio, Alle 6/11/11 15:02  

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]



Link a questo post:

Crea un link

<< Home page