The Second Version


Fun With Geography

Here are the names of some places in my area of Italy, translated literally for your enjoyment:

Ca' De' Cessi ---> House of Loos
Treputtane ---> Three Whores
Sesso ---> Sex
Costadasino ---> Donkey Ridge
Casa del Pero ---> Peartree House
Mazzabue --> Ox Killer
Trecasali ---> Three Farmhouses
Corticone ---> Big Bark
Parola ---> Word
Roncole Verdi ---> Green Billhooks
Rovina ---> Rubble
Moglie ---> Wife
Felino ---> Feline
Pastorello ---> Little Herder
Casaselvatica ---> Wild House
Pratopiano ---> Flatfield
Faggio ---> Beech

Etichette: ,

Anglofilia Rampante

Sentita ieri su Radio Parma:
Il welfare community center di Budellungo

Etichette: ,


Questione Immorale

NAPOLI - Aveva raccomandato tante persone e alla fine qualcuno sfuggì al controllo. E così, al telefono con il direttore generale dell’Arpac, l’Agen­zia regionale per l’ambiente, l’allora ministro della Giustizia Clemente Mastella chiedeva: «Scusa, ma questo Massaccese di Casoria chi è?». Giuseppe Ca­pobianco lo rassicurava: «È uno dei privati che dob­biamo riconfermare, non è nostro... È uno dei Ds. Ho avuto indicazioni da Giggino e mi ha detto che venivano da te».
Clemente mastella era ministro con quale governo? Forse con quello del corrotto, mafioso e malefico Nano di Arcore?

No, con l'ultimo governo Prodi, quello di centro-sinistra. Quelli della superiorità morale, della legalità eccetera.

Etichette: ,


Charles and AGW

Charles and his merry band of groupies are at it again. No, thi isn't a particularly notable thread, but just one I bothered to browse.

The LGF community has been a good one only for a brief period of time, but these days it's just dreadful. Suffocating, abusive and intellectually shallow enforced uniformity of views is the best description I can give.

There, anyone dissenting from the Charles' position on AGW is labelled denier, troll, bigot and automatically, even preemtpively, associated with intelligent designers, anti vaccination folks and the like. Even if the commenter has never touched those subjects.

All skeptical arguments are dismissed as canards and talking points, if not outright lies. Then denigrated as not being real science - without any real explanation of why, for example, the data butchery of Mann's Hockey Stick is more scientific than rebuttals to it.

The global level of discussion is generally abysmal, with only a few commenters reaching nothing better than a good level. Critics to the unending support for AGW are generally so bad to look like cartoonish, caricatural versions of what a knowledgeable skeptic would say.

But enough with the Little Green Groupies. It's nice to pile scorn on them, however there's a much bigger world out there.

It's been all around the blogs from some time, Steve McIntyre has found yet another serious flaw in another of the main ingredients of hockey sticks - the famous Yamal series by Briffa. Other people have exposed the whole story better, so go there if you please.

Charles instead thinks that McIntyre's point is disproven by the fact that he had all the data but took a few years to discover the problem. An intellectual giant that man is.

What I want to add is that falsifying the hockey stick has far-reaching implications. It is not just the most famous piece of evidence of AGW, neither a personal obsession.

To exist, the AGW hypothesis requires a rather stable global temperature followed by a sharp increase with rising concentration of CO2 in the atmosphere during the 20th century. A more variable temperature before that time, and even more so no sharp rise mean the death of the AGW hypothesis.

And not just that. No hockey stick temperature pattern also means that CO2 emissions are not the main temperature driver and that there is little need to worry about catastrophic or runaway global warming. No need to happily submit to carbon rationing, either.

The impact of Yamal's implosion on IPCC's own hypothesis is explained in more detail in this other blog post.

I'd like to close my piece with the quote from Lucia, another climate blogger:
One of the issues that gets lost in the whole “should we trust peer review” articles is this: Peer review is a first pass. In the full peer review process, people read articles. Then the ones who can think for themselves form their own opinions about the articles. They, they tell other people what they think.

Etichette: , ,


Rapporto di Stato

Vivo, ma poco attivo

Etichette: ,


Everybody Can Have One

What, a Nobel Prize - for peace, specifically, because the ones for chemistry and hard sciences are still meaningful.

Barack Obama won one.

What the hell did he do to deserve it, I cannot figure out.

Arafat's prixe was breathtaking in the degree of contradictions and stupidity it manifested. But this one is just surreal, I cannot find other words.

In other more interesting news, last night I watched Inglorious Basterds. Some recent movies have agonized over collateral damage, but this one revels in it. Tarantino must have never heard that in fiction killing Hitler is regarded as impolite.

Etichette: ,


Industria Parassita

Da qualche anno a questa parte fanno furore le certificazioni di qualità, tipo ISO9001 e quante altre la fantasia suggerisce. C'è un locale/scuola di balli latinoamericani che ha la ISO9001, e comuni con la certificazione di qualità ambientale (ISO14000 se ben ricordo).

Ormai si esagera, nel senso che cani e porci possono certificare qualsiasi cosa. Il capo della fabbrichetta dove lavoravo un paio d'anni fa è un uomo con molti difetti ma pure qualche virtù, ed un giorno disse che si può certificare anche la merda; il certificato dirà che sì, si tratta di vera merda.

Inoltre, la ISO9001 è una certificazione di sistema, non di prodotto. In parole semplici, essa dice che una certa ditta usa (o almeno fa vedere di usare) certe procedure che dovrebbero risultare in un bene o servizio di qualità. Però non prevede verifiche pratiche sui beni e servizi.

Un certificato di qualità ha senso se certifica un'eccellenza che solo pochi soggetti hanno; se invece basta dare una sistemata alle procedure e pagare i compensi dei consulenti, la certificazione perde significato; presto ci saranno certificazioni ancora più avanzate per compensare la svalutazione di quelle attuali, e poi più avanzate ancora, e così via.

Ed eccoci qui, con i consulenti. Le procedure per ottenere la certificazione sono in genere troppo lunghe e complesse perché una ditta possa completarle autonomamente senza sforzi eccezionali. Così, in moltissimi casi è necessario rivolgersi a consulenti di certificazione che non lavorano certo per beneficenza. E non menzioniamo nemmeno la possibilità di corruzione e concussione. Questo è l'aspetto più parassitario: il prodotto principale della consulenza non sono beni o servizi, e nemmeno dati con un valore (tipo l'arte o l'intrattenimento), ma cumuli di scartoffie; vacui e ripetitivi manuali e pile di moduli che non fanno altro che ribadire che si, la ditta ha le procedure.

Se poi queste vengono effettivamente seguite, oppure poi gli operai confezionano pasta a mani nude dopo avere maneggiato luridi bancali (cosa che ho visto di persona, anche se in una ditta senza certificazioni)... bè, i consulenti se ne occupano solo il giorno dell'ispezione.

La popolarità smodata delle certificazioni di qualità poi secondo me riflette un cambiamento culturale più profondo e generale.

Da una parte, la diffusione di una mentalità burocratica secondo la quale una cosa non esiste se non è scritto su un pezzo di carta, compilato in modo leggibile, firmato e timbrato.

Dall'altra, un calo di fiducia nel prossimo. Non fiducia personale, ma professionale: non basta più la parola di chi fornisce un bene o servizio, ma serve la dichiarazione (a pagamento) di una terza persona per dire che una cosa è quella che è.

Etichette: , ,


A Blimp on the Radar

I am writing this piece offline while I wait for the installation of software on some computers to finish. Yes, IT jobs can be that exciting.

Some days ago my blog-friend Wellington asked me a question about blimps, and that made me think. Apparently there are blimp enthusiasts out there who think that those devices can have a much more widespread use than now.

Instead, I think not, because blimps suffer from a basic but serious physical limitation: air density.

In order to provide buoyancy, a blimp must be less dense than the surronding air. But air is already a low-density fluid, roughly only 1 kg/m3 near the sea level (by contrast, the density of water is 1000 times higher). Even if the blimp were "full" of vacuum, and the mass of the shell and other hardware were trascurable, the most lift that can be provided is of one kilogram per cubic meter displaced.

A blimp with any relevant payload must necessarily be huge, and consequentially cumbersome and slow and very susceptible to wind (because the force exerted by wind is a function of the cross-section of the body). Fixed and rotary-wing aircrafts satisfy the needs for speed, payload and manouvrability much better; their only disadvantage is higher fuel consumption.

However, one use where blimps can be the best choice is for semi-mobile (or semi-fixed) observation and surveillance posts. A crew of a few men – or better, automated sensors – does not require a big payload; the blimp can move around in appropriate patterns slow and steady using little fuel and with little noise. Something that airplanes and helicopters do not do as well.

Etichette: , ,


Piadina con la Cocomera

Leggevo sul Corriere di qualche giorno fa un articolo a proposito di una industria galvanica in Veneto che ha causato, fra i primi anni '70 ed il 2002, un terribile inquinamento dell'area intorno a sé scaricando cromo ed altri metalli pesanti senza alcuna precauzione.

Nei commenti all'articolo un lettore rinfaccia “Dov'erano gli ambientalisti mentre questa fabbrica inquinava a piacimento?”, ed un altro ribatte: “Gli ambientalisti hanno denunciato la situazione, e Report ha pure fatto un servizio a proposito!”*.

Ed io sono sicuro che gli ambientalisti abbiano denunciato il problema. Di certo l'hanno fatto, così come hanno denunciato questo e quello, e protestato, e fatto campagne per (o meglio, contro) qualunque cosa.

Fra i tanti difetti degli ambientalisti c'è quello di non avere senso strategico e di non sapere stabilire priorità per le loro battaglie. Per loro, qualunque cosa non vada bene è un disastro, una catastrofe, uno scempio irreparabile; per loro, tutte le battaglie sono ugualmente importanti e devono essere combattute – e vinte – qui ed ora.

Ma quando ogni cosa è tragedia e catastrofe, vengono a mancare le distinzioni fra male e peggio; si perde la capacità di capire cosa è più grave per l'ambiente e le persone e concentrarsi su quello.

Così gli ambientalisti festeggiano per l'ennesima cervellotica restrizione applicata alla caccia, oppure per gli inutili blocchi del traffico nelle città, mentre certe fabbriche continuano a scaricare sostanze altamente tossiche come nulla fosse, e non c'è spinta ad implementare quelle soluzioni, come il telelavoro, che permetterebbero di ridurre la necessità di viaggiare.

Ora sono qui ad installare software sui computer che andranno a sostituire le vecchie macchine nel back-office (o come si chiama), e vedo intorno a me una decina di impiegati che saranno arrivati qui in qualche modo, ma non tutti in bicicletta.

Secondo me, la maggior parte di loro potrebbe lavorare da casa utilizzando una VPN e servizi come VOIP per conversare a voce – visto che il loro lavoro è per la maggior parte fatto su computer. Basterebbero un paio di persone ad occuparsi delle stampe di documenti cartacei, qui in ufficio.

* Report è iniziato nella seconda metà degli anni '90, per cui il danno era già fatto ben prima che arrivasse la Gabanelli alla carica.

Etichette: , ,

Programmed Posting

In the last few days I was able to write three pieces in pauses at work; those will be posted at programmed intervals this week.

So that you don't think something horrible has happened and made me think post regularly every morning.

On the other hand, screw that, Blogger apparently does not have that option anymore.