The Second Version


Words Worth Repeating

An excerpt from the seminal 2002 essay by John Fonte, "Liberal Democracy vs. Transnational Progressivism", which describes the thoughest ideological challenge to the Western civilization.

The key concepts of transnational progressivism could be described as follows:

The ascribed group over the individual citizen. The key political unit is not the individual citizen, who forms voluntary associations and works with fellow citizens regardless of race, sex, or national origin, but the ascriptive group (racial, ethnic, or gender) into which one is born.

A dichotomy of groups. Oppressor vs. victim groups, with immigrant groups designated as victims. Transnational ideologists have incorporated the essentially Hegelian Marxist "privileged vs. marginalized" dichotomy.

Group proportionalism as the goal of "fairness." Transnational progressivism assumes that "victim" groups should be represented in all professions roughly proportionate to their percentage of the population. If not, there is a problem of "underrepresentation."

The values of all dominant institutions to be changed to reflect the perspectives of the victim groups. Transnational progressives insist that it is not enough to have proportional representation of minorities in major institutions if these institutions continue to reflect the worldview of the "dominant" culture. Instead, the distinct worldviews of ethnic, gender, and linguistic minorities must be represented within these institutions.

The "demographic imperative." The demographic imperative tells us that major demographic changes are occurring in the U. S. as millions of new immigrants from non-Western cultures enter American life. The traditional paradigm based on the assimilation of immigrants into an existing American civic culture is obsolete and must be changed to a framework that promotes "diversity," defined as group proportionalism.

The redefinition of democracy and "democratic ideals." Transnational progressives have been altering the definition of "democracy" from that of a system of majority rule among equal citizens to one of power sharing among ethnic groups composed of both citizens and non-citizens. James Banks, one of American education's leading textbook writers, noted in 1994 that "to create an authentic democratic Unum with moral authority and perceived legitimacy, the pluribus (diverse peoples) must negotiate and share power." Hence, American democracy is not authentic; real democracy will come when the different "peoples" that live within America "share power" as groups.

Deconstruction of national narratives and national symbols of democratic nation-states in the West. In October 2000, a UK government report denounced the concept of "Britishness" and declared that British history needed to be "revised, rethought, or jettisoned." In the U.S., the proposed "National History Standards," recommended altering the traditional historical narrative. Instead of emphasizing the story of European settlers, American civilization would be redefined as a multicultural "convergence" of three civilizations—Amerindian, West African, and European. In Israel, a "post-Zionist" intelligentsia has proposed that Israel consider itself multicultural and deconstruct its identity as a Jewish state. Even Israeli foreign minister Shimon Peres sounded the post-Zionist trumpet in his 1993 book , in which he deemphasized "sovereignty" and called for regional "elected central bodies," a type of Middle Eastern EU.

Promotion of the concept of postnational citizenship. In an important academic paper, Rutgers Law Professor Linda Bosniak asks hopefully "Can advocates of postnational citizenship ultimately succeed in decoupling the concept of citizenship from the nation-state in prevailing political thought?"

The idea of transnationalism as a major conceptual tool. Transnationalism is the next stage of multicultural ideology. Like multiculturalism, transnationalism is a concept that provides elites with both an empirical tool (a plausible analysis of what is) and an ideological framework (a vision of what should be). Transnational advocates argue that globalization requires some form of "global governance" because they believe that the nation-state and the idea of national citizenship are ill suited to deal with the global problems of the future.

The same scholars who touted multiculturalism now herald the coming transnational age. Thus, Alejandro Portes of Princeton University argues that transnationalism, combined with large-scale immigration, will redefine the meaning of American citizenship.

The promotion of transnationalism is an attempt to shape this crucial intellectual struggle over globalization. Its adherents imply that one is either in step with globalization, and thus forward-looking, or one is a backward antiglobalist. Liberal democrats (who are internationalists and support free trade and market economics) must reply that this is a false dichotomy—that the critical argument is not between globalists and antiglobalists, but instead over the form global engagement should take in the coming decades: will it be transnationalist or internationalist?

Etichette: , ,

Acqua Ai Mulini

Ora che i risultati delle elezioni amministrative sono pressochè noti - almeno per i primi turni - inizia la giostra dei commenti - nella quale ognuno cerca di tirare acqua al proprio mulino.

E' sempra la solita storia: quando le elezioni amministrative indicano una perdita di terreno per la maggioranza governativa (e per una serie di ragioni questa è pressochè la regola), la maggioranza corre a minimizzare ("Sono solo risultati locali" eccetera) mentre l'opposizione cavalca la tigre ("Il governo X deve andare a casa!"). E' capitato regolarmente con Berlusconi e Prodi; forse con differenze nella forma ma non nella sostanza.

Nei fatti, quello che vedo io è solo l'ennesima manifestazione del fatto che a livello nazionale gli italiani sono divisi più o meno a metà fra centro-destra e centro-sinistra, ed ad ogni elezione si hanno oscillazioni intorno alla posizione di equilibrio. Inoltre, e pure questo è noto, al Nord (eccetto la Romagna, ma non più come una volta) il centro-destra ottiene maggiori consensi, perchè la cultura settentrionale tende più verso l'identità locale e nazionale, l'etica del lavoro e l'opposizione allo statalismo assistenzialista.

A livello nazionale, il segnale elettorale deve essere necessariamente mediato su tutta la popolazione dei votanti, il che significa che la prevalenza del centro-destra al Nord viene compensata dalla prevalenza del centro-sinistra in altre aree.

Quello che spero è che i neo-eletti sindaci di centro-destra mantengano le promesse fatte e si impegnino davvero, più che per l'abusato termine sicurezza, per far rispettare le leggi vigenti a tutti senza riguardo per etnia, religione o classe. E che abbandonino i programmi di assistenzialismo ed elargizioni di denaro pubblico. Un po' di utopia, lo so, ma sono anche sicuro che larghe parti del centro-sinistra nemmeno hanno intenzione di fare quelle cose. Anzi, le loro intenzioni dichiarate sono quelle di espandere i programmi sociali ed istitutionalizzare il relativismo.

Etichette: ,


Quasi-science at Home: Hotness of Chilli Seeds

A frequent claim is that chilli seeds will add hotness to the recipes in which chillies are used, but other sources state that seeds contain virtually no capsaicin.

So in the interest of science and advencement of human knowledge, I decided to experiment myself.

First, I bought a few Bulgarian Carrot chillies - the shop had no good Scotch Bonnet left, and I like the look of this other variety. They are very hot but not as scorching as the Habanero and relatives.

So I sliced one chilli in half lengthwise and carefully extracted the seeds - wearing latex gloves. Then I wiped the seeds with a paper towel; washed them thoroughly in a fine-mesh colander using a drop of dish detergent to remove all capsaicin from the seed surface. Finally, I rinsed the seeds and patted them dry.

The core of the experiment was to actually taste the seeds. I tasted 4 taken randomly from the heap I obtained; I first mulled them around my mouth and then crushed the seeds with my teeth. They had no noticeable pungency.

For comparison, I also tasted a small piece of the fruit wall, taken roughly from the middle: it was definitely hot. A piece of the placenta instead tasted very hot.

Conclusion: chilli seeds do not add any noticeable hotness.

Etichette: ,

The Kassam Situation

While hostilities never really ceased despite the countless empty ceasefires declared by one or the other Palestinian faction, recently the intensity of rocket fire against Israel has been ramped up. Or so it would seem; reporting on that conflict follows strongly the news cycle, so it's hard to figure the actual combat intensity while the media are busy clamoring about other stories.

Anyway, many news stories appear to emphasize the crudeness and low-accuracy of the Kassam rockets, seemingly to downplay their lethality, and perhaps to draw a comparison with the high-tech Israeli weapons.

The ugly truth is, Kassams are crude and inaccurate weapons. They cannot be aimed at any specific objective, but only at a certain area. And, if I remember correctly, many of these rockets are plagued by malfunctions and failures at various stages of their flight. When a Kassam produces casualty or property damage is more through luck (from the Palestinian perspective) than design.

The low accuracy of Palestinian rockets is a direct consequence of their design and production technique: they are intended to be built from readily available steel sheets and tubes and a few more components; the Kassam propellant appears to be based on ammonium nitrate - which is the most widely available oxidizer. Even if these rockets are produced in small factories and workshops, the capabilities of their makers cannot obtain the tight geometric tolerances and general product quality required for accurate weapons. A slightly ovalized or bent tube; a tailfin a bit bigger or smaller, or welded at the wrong angle or with its leading edge not properly smoothed are enough to make a rocket go astray; irregularities in the propellant filling will produce erratic thrust and so on. Also, Israeli pressure and attacks against rocket factories make construction even more difficult.

Palestinians could produce rockets with a bigger warhead to make up for the scarce accuracy, but that is a more serious technological challenge, and runs into logistical problems: Palestinian capabilities for resupply are limited (on a relative scale, of course) so they must try to make the most with the little they have. Sucide bombers were the most effective, but Israeli efforts - mainly, the much-reviled separation fence - have made sucide bombings extremely difficult to accomplish.

Some are worried that guidance systems may be fitted to the Kassams, turning them into relatively accurate missiles. But this is not a very likely outcome: rocket guidance systems aren't exactly off-the-shelf devices, and designing and buidling one working to specifications is no trivial task. Yes, it can be done, but the whole thing is going to be expensive and bulky. But even if guidance systems can be manufactured or bought, due to the construction problems discussed above, it is very unlikely that a guided Kassam can reach the same performance level of a suicide bomber (which can decide with absolute precision where and when to detonate "its" warhead).

At the endgame, the pressure that Palestinian can put on Israel with rocket fire is only a fraction of the pressure that they could put with suicide bombers.

Yes, this is a cold, rational strategic analysis that deliberataly takes no account of the individual tragedies and plight. But isn't rationality and fact-based reasoning what the Right wants?

However, one should not think that Kassam rockets are a joke. No, they are deadly weapons - and used with the clear intento to kill or injure as many non-combatants as possible. Israel should respond more forcefully to that: with counterbattery fire. Automated or manual, six 155mm shells should rain on the launch location as soon as possible. This kind of response can produce non-combatant casualties on the Palestinian side, but it is well known that refusing to fire on human shields will only incentivate their use.

Etichette: ,


Excel Saga Redux

The level of insanity of that anime has been ramped up (yes, it's possible) from Episode 7, and of course a work that is set to desecrate all cliches must not skip the dreaded lolicon.

It must have been a bargain sale, because the little Ropponmatsu is catgirl, android and lolicon all rolled in one (while her bigger "sister" Ropponmatsu is just an office worker - uniformed, anyway). But one thing is the drawn version; this is taking things way too seriously. Yes, it's safe for work as long as no-one notices what it actually is...

This is an action figure I'd buy instead, if I were in the mood to waste some money. But now that I did a bit of Internet search, I realize how naive I was. For the drooling otakus out there, who can be the favorite character? Excel or Hyatt? No, not weird & creepy enough. The loli-Ropponmatsu had to be...

Me, I'll have another vodka & orange juice, and onwards with the show!

Update 00:59: I gave up after Episode 18 for tonight. Besides, spending a friday night watching anime all alone is a not-too-light case of otaku syndrome...

Etichette: ,


Crane Vs. Crane

It's amazing what one can see just looking out of the window, some days...

They used this big self-propelled crane to dismantle the construction crane - and the most amazing thing is that the operation was done with conmplete disregard of elementary safety rules! Workers climbed up and down the crane wearing neither safety belts nor hard hats; another guy stoo directly underneath the suspended strut (third picture from the top) to guide it while being lowered... it's almost a miracle that no-one got hurt.


These days, I'm, watching the anime Excel Saga. Saying that it's insane is a bit of an understatement; it's insane and on speed at the very least. And sprinkled with naughty double-entendres. And topped with armies of cute invaders luring unaware foks with their cuteness. And served with a generous side of meta-jokes about author, director and dubbers. Excel Saga is just a wild, fun ride that leaves no anime cliché and genre inviolated; if there's an overall plot is very tenuous. But it's what I need these days: my brain is already nearly overheated - I cannot be bothered with too seriosu stuff.

Etichette: , ,


Again At The Top

A little while ago, AC Milan won the Champions League against Liverpool FC!
For 2-1 score.

You know, against all the venom, corruption, cheating and generelly being arseholes that sadly is a reality of Italian football, this one was a clean victory; and the path leading to it was clean too.

Victory after victory gained on the field, with strength of will, skill, sweat... the best of successes, because it's clear an undisputed to everyone.

And Italy wins again!

Etichette: ,


Balistica Terminale e Punta Cava

Ci sono molte concezioni errate riguardo gli effetti dei proiettili su di un bersaglio - in questo caso, tessuti viventi. In particolare sono i proiettili "a frammentazione" (che non esistono; in realtà si chiamano frangibili) e quelli a punta cava (hollow point, HP, testa cava) che compaiono in una varietà di leggende.

Ripartiamo dalle basi. I proiettili causano ferite perchè hanno una considerevole energia cinetica, che al momento dell'impatto cedono almeno in parte al bersaglio. Se si massimizza la frazione di energia ceduta - eventualmente fino al trasfderimento totale, che corrisponde al proiettile che si ferma all'interno del bersaglio - si massimizzano le ferite, e quindi il potere d'arresto. E salvo scopi particolari (per esempio, proiettili specifici per tiro al bersaglio), massimizzare il potere d'arresto è l'obbiettivo.

Dal punto di vista di un proiettile in moto, i tessuti organici che non siano ossa si comportano come fluidi - con proprietà particolari, ma sempre fluidi; per cui il moto è regolato dalle leggi della fluidodinamica. Il sistema migliore per aumentare la dissipazione di energia durante il moto atraverso un fluido è ricorrere ad una forma meno idrodinamica. Tuttavia questa esigenza si scontra con altre due molto importanti: avere un proiettile che non perda troppa energia durante la sua traiettoria in aria, ed un materiale abbastanza duro da potersi intagliare nella rigatura. Ci sono poi accordi internazionali che proibiscono l'uso militare di proiettili espansivi per gli Stati che ne fanno parte.

Questo ha portato a tutta una serie di soluzioni di compromesso fra le esigenze descritte sopra. Le strade principali sono due: proiettili con una forma non molto appuntita (punta tonda, tronco di cono ecc.) e quindi meno idrodinamica, e proiettili che al'impatto si deformano/espandono aumentando il trasferimento d'energia. I proiettili in piombo nudo, un materiale soffice, sono adatti per velocità iniziali basse o medie e danno una discreta deformazione all'impatto; questi sono a mezza via fra le due categorie e rimangono una soluzione valida per autodifesa (e sono ammessi dalla legge italiana, anche se non è consigliabile dire alla polizia che sono stati scelti per la loro efficacia).

Per raggiungere velocità iniziali maggiori - e quindi maggiori energie, e traiettorie più tese - è necessario però usare materiali più resistenti che non scavallino le rigature (ma non troppo duri per evitare di usurarle rapidamente). Generalmente, i proiettili moderni per caccia/difesa hanno un nucleo di piombo rivestito da una camicia di ottone morbido.

Ora, discutere tutti i tipi di proiettili disponibili richiederebbe un'intera enciclopedia; quindi passiamo a considerare quelli a punta cava propriamente detti - ovvero, con una cavità sulla punta. Una munizione con proiettile HP (.45 Auto), il bossolo vuoto ed un proiettile espanso si possono vedere nella foto. Questi particolari proiettili sono fatti interamente in rame, ma illustrano benissimo il concetto comunque. Il proiettile espanso presenta una sezione molto maggiore, e quindi incontra un'alta resistenza idrodinamica, per cui cede moltissima energia al bersaglio causando ferite gravi - e difficilmente si ha eccessiva penetrazione. Invece, un proiettile che trapassi il bersaglio e fuoriesca (cosa che i 9mm blindati usati dalle forze dell'ordine italiane sono apparentemente proni a fare) può costituire un serio problema in ambito urbano od abitativo.

L'espansione si ottiene perchè all'impatto una certa quantità di fluido del bersaglio (la prova del proiettile è stata fatta in acqua) viene spinta violentemente nella cavità: essendo i fluidi incomprimibili, una forte pressione viene esercitata sulle pareti del foro, causandone la rottura lungo linee predisposte e quindi l'espansione a fungo. Tuttavia, il proiettile rimane integro e raggiunge quindi una buona penetrazione.

I proiettili a punta cava quindi non "esplodono" all'interno del bersaglio, nè fanno altre portentose ed inspiegabili cose - anche se certamente fanno male. Sono più inumani e letali di altri tipi? Non ne sono così sicuro: quando si decide di sparare a qualcuno, si è attraversata unal inea; si ha preso la decisione irrevocabile di compiere un gesto che può facilmente causare la morte di una persona. Quale sia il proiettile usato, mi sembra un fattore assolutamente secondario. Anzi, la maggiore efficacia e minore penetrazione degli HP può ridurre il rischio di ferimento di persone innocenti.

Contrariamente a quanto Michael Moore sostiene, poi, non sono solo i proiettili HP che possono ledere il midollo spinale e causare paralisi; anzi, mi sembra che i più penetranti ma "umai" FMJ siano ancora più rischiosi in questo senso. La gravità delle ferite riportate poi è qualcosa che interessa solo gli eventuali sopravvissuti.

C'è un'ultima cosa da aggiungere alla fine di un articolo che è già abbastanza lungo... E' vero che i proiettili - soprattutto da fucile - ruotano su sè stessi ad alta velocità, ma non hanno alcun "effetto frullino" sul bersaglio. Questo succede perchè il momento angolare e l'energia cinetica rotazionale del proiettile sono piccoli rispetto al suo momento d'inerzia nella direzione del moto ed all'energia cinetica traslazionale; perciò la rotazione del proiettile si arresta rapidamente nel bersaglio. Questo è confermato dal fatto che nei test su blocchi di gelatina ed altri materiali non si riscontrano mai danni o tracce ad andamento elicoidale, o decisive espansioni radiali degli eventuali frammenti di proiettile.

Etichette: , ,


The Miscellaneous Post #1

Wandering around the 'Net I've found a few nice things. Here they are:

Cooking For Engineers - This ia website for amateur cooks with an analytical mind. Which fits pretty well my description too.

From Wretchard, an al-Qaeda application form. Only death and bureaucracy are certain in this universe.

Steven DenBeste has opened a new blog, this time even with comments. But it's still about anime.

Astute readers may have noticed that I'm not writing a lot recently. I have many ideas, but the brain-hands connection doesn't seem to work, so I can't bring myself to write them down.

Etichette: ,


Sensible Gun Control Measures

According to Ben "Greasnin'" Platt of the Something Awful gang:
[...]he just blows her ass up with a rocket launcher. Now, a robot cockroach I can understand, but who the hell sold a rocket launcher to this guy? I would hope that by 2027, we would have come far enough as a society to put a "Do you think you're being constantly raped by Satan" question on the gun permit
application form.
Yes, that will stop psychopathic robots from mass-murdering topless women. Or so we hope.

Etichette: ,


Balistica Interna

La balistica interna si occupa dei fenomeni che avvengono all'interno della canna di un'arma da fuoco; senza entrare in trattazioni troppo elaborate, cercherò di spiegare nei dettagli cosa succede.

L'urto del percussore causa la detonazione di una piccola quantità di esplosivo primario contenuta nell'innesco (volgarmente, capsula) della munizione o nel fondello per le munizioni a percussione anulare. A loro volta, l'unda d'urto ed il getto di gas ad alta temperatura prodotti dall'innesco causano la deflagrazione della carica di lancio (volgarmente, polvere anche se si tratta di grani di diversa forma e dimensioni). Nelle cartucce a percussione anulare, ci può essere soltanto una carica d'innesco maggiorata oppure anche una carica di lancio (come deve essere il caso per .22 LR, .22 Mag, .17 HMR). I gas prodotti dalla deflagrazione del propellente si trovano ad alta temperatura, ed essendo confinati in un piccolo, volume, la pressione sale rapidamente a valori molto alti (come in questo esempio; chamber è la camera mentre gas port è la presa di gas che consente il funzionamento del sistema di ripetizione).

La vivacità (o progressività) di un propellente esprimono la sua velocità di deflagrazione: polveri vivaci deflagrano rapidamente producendo un picco di pressione più stretto (ma non sempre più alto), mentre quelle progressive producono un picco più largo e probabilmente più basso.

Una forza notevole viene quindi esercitata dall'interno del bossolo. Ma le pareti del bossolo sono sostenute dalla robusta camera di scoppio; il fondello è sostenuto dall'otturatore - che in certi casi è fisso, mentre in altri a causa della sua massa, della molla di rinculo che lo preme contro la culatta, ed anche di appositi ritegni che ne impediscono l'arretramento prematuro. L'unica parte mobile rimane il proiettile, che quindi viene accelerato in avanti lungo la canna. L'accelerazione dei proiettili è enorme: mediandola su tutta la lunghezza della canna, si ottengono valori di 104 - 106 m/s2.

La pressione nella canna a valle del proiettile quindi decresce, in parte per semplice espansione, visto che il proiettile avanzando lascia un volume sempre maggiore a disposizione dei gas; in parte perchè una frazione dell'energia dei gas viene convertita in energia cinetica del proiettile - ed usata per vincerne l'attrito lungo la canna: soprattutto per le armi rigate, l'intaglio del proiettile nella rigatura richiede uno sforzo considerevole.
Le perdite di pressione per raffreddamento (trasferimento di calore alla canna) invece sono minime perchè il processo è molto rapido: entro pochi millisecondi il proiettile lascia la canna. Il processo è quindi adiabatico.

Quindi, polveri vivaci sono adatte generalmente ad armi con canna corta (pistole); se non ricordo male, con certi propellenti la deflagrazione è completa prima ancora che il proiettile lasci del tutto il bossolo. Invece, polveri progressive vengono usate nei fucili per ottenere velocità iniziali molto alte.

Quando il proiettile esce dalla bocca, i gas residui escono dalla canna producendo il rumore dello sparo e la pressione in canna scende rapidamente al valore atmosferico. I gas di combustione contengono sempre un po' di CO, che a contatto con l'aria può causare una vampa; se c'è ancora molta polvere incombusta la vampa può diventare spettacolare - però significa che si sta sprecando polvere; la luce della vampa può abbagliare il tiratore ed in condizioni di combattimento il nemico avrà un comodo segnale sul quale dirigere il suo fuoco.

Per massimizzare il trasferimento di energia al proiettile, una volta che caratteristiche e massa della carica di lancio siano fissate, ci sono un paio di soluzioni ovvie. Una, ritardare l'apertura dell'otturatore fino all'uscita del proiettile dalla canna. Questo accade spontaneamente con le armi a ripetizione manuale, e con opportune soluzioni tecniche (canna rototraslante e simili) si può ottenere anche per quelle a ripetizione automatica/semiautomatica. I revolver non soffrono il problema dell'otturatore, ma hanno quella fessura fra cilindro e culatta che provoca perdite di gas.

L'altra soluzione ovvia, una volta risolto il problema della chiusura, è allungare la canna. In questo modo, i gas di combustione continuano ad esercitare una forza sul proiettile per un tempo maggiore. In teoria, il massimo trasferimento di energia si avrebbe con una canna tanto lunga che quando il proiettile la lascia la pressione residua all'interno sia pari a quella esterna. In pratica, però, oltre una certa lunghezza di canna la pressione dei gas cala tanto da esercitare una forza trascurabile; gli attriti prendono il sopravvento e si può anche avere un calo di velocità del proiettile. Inoltre, diventa difficile ritardare di così tanto l'apertura dell'otturatore, ed un'arma con la canna molto lunga è ben poco maneggevole. Un costruttore americano di fucili calibro .50 (per competizioni di tiro a lunga distanza, ma anche applicazioni militari - o soltanto per divertimento, se uno ha una proprietà abbastanza ampia...) fornisce i dati di velocità iniziale in funzione della lunghezza di canna: si vede che passando da 17 a 29 pollici l'aumento di velocità è abbastanza ripido, ma dai 29 ai 40 pollici si riduce a malapena 3/4 del valore precedente. 40 pollici sono circa un metro; una lunghezza non esattamente pratica.

Questa discussione è fra i fondamenti di un altro pezzo che spero di poter scrivere presto, che riguarderà la differenza di letalità fra armi automatiche e semiautomatiche.

Etichette: , ,


How to Beat Stress and Be Happy in Three Moves

1 - Drink a couple of beers

2 - Cook a tasty risotto using the rich cockles* sauce you prepared and froze a while ago; green peas and a bit of chilli powder.

3 - Drink three more beers while eating the risotto and watching NCIS followed by Supernatural on TV.

Yes, that's not what the OMS recommends, but it's still better than guzzling bottles of Scotch whisky as some other people do.

*Also known as clams in Yankeeland
Inspired by Jeff Goldstein.

Etichette: , ,


Ciechi, Sordi, Storpi & C.

Oggi pomeriggio ho visto uno spot per qualche assurdità sulle abilità diverse - o diverse abilità, e mi sono rotto definitivamente le palle di queste cianfrusaglie semantiche politicamente corrette.

Dunque, gli essere umani normali hanno due gambe, due braccia, due occhi, due orecchie ed uno o due di ogni altro organo. Quando qualche arto od organo manca fino dalla nascita oviene perso per trauma/malattia, si ha una mancanza di qualche abilità, non una non meglio specificata differenza. Un cieco non vede, un paraplegico non può camminare. Per tutto il resto delle funzioni fisiche ed intellettive possono non esserci differenze fra di loro ed un umano normale, ma le mancanze rimangono.

L'unica eccezione sono forse gli individui autistici, che hanno sì una mente che lavora in modo diverso dagli altri, e talvolta riesce a produrre risultati sorprendenti (un po' come la strana correlazione fra genio e follia).

Quindi l'intera idea di abilità diverse è basata sul nulla, su arzigogolature linguistiche che hanno il solo scopo di non offendere - partendo dal presupposto che uomini e donne siano tanto deboli da non poter superare qualche parola indelicata. La sole vere abilità diverse sono i talenti naturali che ogni individuo ha, e che conosciamo da lungo tempo.

Per cui su questo blog da ora in poi il termine più politicamente corretto possibile sarà handicappato (più che altro perchè non mi viene in mente un termine italiano proprio per descrivere l'intera categoria); altrimenti verranno usati i termini tradizionali italiani oppure le definizione mediche.

Etichette: , ,

Unsafe and Annoying

I still read from time to time The Devil's Kitchen, and I extracted this little gem:
Well, Simon, shall I tell you what I find the single, most distracting thing is when I'm driving?

Speed cameras.

Yes, that's right; the only times that I have come close to having an accident in the last decade or so is because I am constantly watching the bloody speedometer to ensure that I am not going to get flashed by one of the police's fucking revenue-raisers.
Indeed mate. The whole approach to road rules enforcement seems to be "Screw then over until they bleed" rather than doing something actually effective.

Etichette: , ,


Antisemitismo di Ritorno

Comunismo ed ebraismo a livello mondiale sono intimamente legati.
Entrambi sono accomunati da un principio: l’anticristianesimo. Sono anticristiani e combattono contro tutto ciò che è cristiano.
Per due motivi. Perché la cristianità è la verità che svela i loro errori.
Perché è la sola che può annullare il loro nichilismo
La legge tacita nella società tra ebrei e comunisti è che i cristiani e tutti i loro usi, costumi e cultura debbano essere insabbiati o minati alle fondamenta.
Secondo voi da dove può venire questo farneticare paranoide* tipico di un fanatico religioso? Nei paragrafi che seguono poi l'articolo ci delizia con le più trite frottole anti-ebraiche: gli ebrei che controllano le banche, la stampa, la cultura... il tutto alla fine di dominare il mondo. E non basta: l'autore cerca pure di darsi un tono (pseudo)scientifico citando opere di autori che sono poi stati uccisi dal complotto ebraico per avere tentato di svelare l'atroce verità.

Comunque, da dove viene questa montagna di assurdità? Da Superuomo, un noto blogger di destra, aggregato in bella vista su Il Castello. Non ho mai badato molto a quello che viene aggregato da quelle parti (libertà di espressione eccetera), ma mi pare che qui si stia scivolando giù per una china. Ah, e poi in un altro posto l'autore cita esaltato ed ammirante le parole di un integralista cattolico. Di bene in meglio... La cosa curiosa è che gli argomenti degli estremisti ebraici sono pressochè gli stessi, ma speculari: cristianesimo, in alcuni casi alleato del comunismo, vuole distruggere l'ebraismo, che è l'unica vera religione - e gli ebrei sono le "persone più morali del mondo". Questi sono i giorni che mi fanno contento di essere agnostico.

*Solo le parti che riguardano i disegni comunisti non sono eccessivamente paranoiche.

Etichette: ,


Unintended Consequences: Part the Millionth

When you mix good intentions and unscientific environmentalism what do you get? Widespread misery, that's what:
The global drive to put biofuels in our petrol tanks is pushing food prices up. As farmers across the western world grow more crops for turning into bio-ethanol and bio-diesel and less for food, supply is being squeezed.

Though touted as a way of offsetting global warming, biofuels have only had one clear effect so far, which has been send grain prices rocketing. While the British consumer has yet to notice much beyond the rising price of a loaf, the least well-off in other countries are already suffering.
Now, who could have ever imagined that the sainted biofuels had their drawbacks too?

Alas, fear not. The problem of course is not idiotic energy policies and AGW scaremongering; according to the usual suspects, it's all the fault of those evil well-off people that don't want to go back to a pre-industrial world:
"The competition for grain between the world's 800 million motorists, who want to maintain their mobility, and its two billion poorest people, who are simply trying to survive, is emerging as an epic issue," according to the US-based Earth Policy Institute (EPI).
To paraphrase Tom Clancy: "You want to live in harmony with nature? Go harmonize!".

Etichette: , ,


Filmato Nuovo, Notizie Vecchie

Il Tg5 ha trasmesso un filmato girato da Mario Lozano stesso che mostra la scena dell'incidente al posto di blocco nel quale è stato ucciso l'agente del Sismi Calipari (che, ricordiamolo, era in Iraq per liberare la giornalista comunista Sgrena, rapita da quegli amorevoli jihadisti che voleva intervistare).

Per scrupolo, sono andato a rileggere il rapporto americano sulla vicenda, ed ho trovato quello che mi aspettavo: il filmato e le foto pubblicate confermano esattamente quanto affermato nel rapporto.

I fari dell'auto sono accesi, ed il rapporto sostiene che Lozano li ha acquisiti (quindi dovevano essere accesi) per dirigere prima la luce del suo faro d'avvertimento e puntatore laser, poi il fuoco della mitragliatrice. La Toyota è ferma nel punto indicato dal rapporto, e si vedono i soldati che ispezionano la scena ed iniziano a prendersi cura dei feriti. Insomma, nulla di nuovo, proprio niente.

Ah, e nel caso che qualcuno obbietti che il fuoco è stato aperto troppo presto, consideri che quando gli artificieri rimuovono o disinnescano una vecchia bomba d'aviazione, fanno evacuare tutte le persone non autorizzate nel raggio di 300 - 500 metri. Ammettendo pure che tali distanze siano stabilite per eccesso di prudenza, mi pare che tenere una potenziale autobomba ad almeno 50 metri di distanza sia un'idea sensata.

E per finire... ma ci sono o ci fanno e basta, al Corriere? Lozano NON è un marine, ma invece un soldato della Guardia Nazionale. C'è un treno di differenza fra i due casi, eppure nella beata terra del Corriere non se ne sono ancora accorti.

Etichette: , ,

Unlikely Analogy of the Day: Nucleophilic Substitution and Girlfriends

Aliphatic nucleophilic substitution is one of the most important reactions in organic chemistry; it is highly versatile consenting to prepare a wide varity of important chemicals, and has been studied in depth for decades.

The reaction needs a substrate and a nucleophile: the nucleophile bonds to the substrate replacing the part called leaving group - hence the substitution. It proceeds through two distinct mechanisms: SN1 and SN2. SN1 entails initially the loss of the leaving group with formation of a positive ion from the substrate (carbocation), which then reacts with the nucleophile to give the product(s). SN2 instead is a concerted mechanism: the nucleophile attacks the substrate and pushes the leaving group away yielding the product. Certain substrates manifest ambiguous behaviour, of course.

How does this relate to girlfriends, tho? This way...
A relationship ends for some reason, and the guy remains single, ready to attach himself to another girl. This is analogous (with some fantasy) to the SN1 mechanism.

In the other case, a second girl gets close to the couple, bonds to the man and pushes the former girlfriend out, in a fashion resembling the SN2 mechanism.

Threesomes are not stable, much like the transition state for SN2 with its pentavalent carbon atom isn't.

And now I want my engineer's disease certificate, pronto!

Etichette: ,


La Citazione

Sempre nel nome di un servizio di qualità ai miei lettori, ecco la traduzione italiana della citazione che ho messo nell'intestazione del blog:

Non è affare del governo il rendere gli uomini virtuosi o religiosi, e nemmeno salvare gli sciocchi dalle conseguenze della loro sciocchezza.

Etichette: ,


More Meteo Geekiness

Most of you will already know what Google Earth is, and probably also what meteorological radar images are. The big question now is, can we possibly combine the two things?

The answer is yes. This website (but I'm sure there are more) offers a link that added to Google Earth will superimpose the reelaborated imagery from a Swiss meteo radar on the map. And this is an example of the results.

Cool, ain't it? Problem is, one could waste hours just watching the clouds moving around (I hear it's called storm chasing).

Etichette: ,


Rain At Last

Last winter has been hot and dry for Europe, and spring has not brought much improvement. In northern Italy, temperatures remained 3 - 5 °C above average and precipitations down to barely 50% of the normal during the month of April.

The situation was pretty close to a drought: in some areas reserves of water and water content of the soil were down to worrysome levels. Rain and snow at the end of March gave some relief but could not reestabilish the balance.

Finally, around April 30 low pressure systems from the North Atlantic were able to break into the Mediterranean basin and bring rain. Weather has been cooler and humid since then, and this morning we finally has some serious rain. Not enough yet, but that's a start.

Etichette: ,



Ah well, back from Tuscany and in Parma again. Holiday went well: the country residence were the eight of us slept was gorgeous. A perfectly refurbished old-style house, surrounded by a well-tended garden with swimming pool, a court and a sort of lodge for barbecues (which we naturally used to prepare a slowly-cooked rack of pork ribs, among other things), and wineyards and olive trees all around.

Other attractions of the area were restaurants, ancient hamlets, wine-tasting stalls, wineries, butcher's shops... as you can guess, we didn't hold back on both eating and drinking. Unfortunately, I got utterly wasted on the second day and couldn't enjoy the rest so much. On the return trip we could experience the world famous Italian highways: over one hour queue, and we took the less busy route.

Anyway, I changed a bit the blog header's look (and it was a pain in the back with all those span and style tags refusing to work) and added a quote from the economist and philosopher Henry George, which comes via The Smallest Minority. More profund articles will possibly come.

Etichette: ,