The Second Version


Le Tre Giovenche dell'Apocalisse

Un progetto comune potrebbe coinvolgere presto Paris Hilton, Britney Spears e Lindsay Lohan.

Questo è quello che lessi in prima pagina, e stavo già pensando a quale distillato di dissolutezza e stupidità potrebbe essere un tale progetto. Un incrocio fra porno lesbo ed Italia in Diretta? Poi leggendo l'articolo scopro che il titolo non c'entra pressochè una fava. Chi ha insegnato a fare i titoli a Yahoo TV Italia? La sezione medio-oriente di Reuters??

Quindi, per compensare vi propongo una fotografia assolutamente gratuita di un'arma da fuoco: fucile CZ 550 Safari Magnum.

Etichette: , ,


All Hail The Chemist

I got the job then, with a small firm at the outskirts of Parma. My duties will be varied, but the main one will be to prepare and then buttle and package standard solutions for the calibration of various instruments - pH-meters, refractometers, conductimeters. The pay is going to be OK, and working hours not too long.

So from Monday at 8:30, I'll be in the world of normal working people...

Etichette: ,


Libertari in Video

Leonardo Facco Editore, oltre ad avere una libreria specializzata in testi libertari ed anarco-capitalisti, ha deciso di trarre vantaggio di Internet pubblicando sul suo sito una serie di video-commenti a fatti di attualità e non solo, naturalmente in chiave libertaria ed individualista. I suoi video sono anche tutti disponibili su YouTube.

Leonardo ha la presenza, la voce e le capacità oratorie per fare presa e spiegare in modo chiaro e conciso la natura dei problemi e quali sarebbero le soluzioni. Se avete del tempo libero, sentire cosa egli ha da dire sarà un buon modo per usarlo.

Etichette: , ,


Lavoro e Licenziamento

Sembra che finalmente abbia trovato lavoro. Non voglio - non mi sembra molto corretto - dare troppi dettagli, ma posso dire che si tratta di una piccola azienda chimica specializzata in una nicchia di mercato e con possibilità di espansione.

Il mio stipendio iniziale, però, sarà non certo da fame, ma nemmeno molto alto per uno con le mie qualifiche (anche se potrà aumentare rapidamente). La ragione però non è che il padrone mi vuole sfruttare, ma che per cautelarsi è costretto ad assumere personale con un contratto di apprendistato (e qualche altro provvedimento). Questo a sua volta perchè licenziare lavoratori lavativi, in soprannumero o comunque indadeguati è eccessivamente difficile in Italia.

Per non parlare poi della politica fiscale vessatoria e punitiva, dei kafkiani studi di settore, della presunzione di colpevolezza per l'evasione fiscale eccetera.

Il risultato finale è che il mercato del lavoro è più ingessato che rigido, e chi riesce ad ottenere un impiego spesso finisce per difendere con le unghie e con i denti questo privilegio (la parola sindacati vi dice niente?), a scapito di chi il lavoro lo sta cercando. E' infatti notizia di oggi che la UIL vuole incentivi per chi decida di rimanere al lavoro anche oltre l'età pensionabile.

Comunque, per il momento sono contento di poter (quasi sicuramente) iniziare presto a lavorare nel mio settore e produrre qualcosa di tangibile. Perché l'ozio davvero indebolisce lo spirito (e svuota il portafoglio).

Etichette: , ,

Much Ado About Cocks

A blogspost by Andrew Sullivan ignited a new round of debate on circumcision - and, as it is abitual for the Internet, irrational arguments and prejudicial, bigoted positions abound.

Let's try to be reasonable for a minute here. I do not think that male circumcision is child abuse. Infants will quickly forget the pain, and won't remain emotionally scarred for their lives. I don't think that they will be sexually impaired either; studies on the amount of pleasure felt by men and women are too subjective and exposed to bias in both directions to be meaningful.

What about hygiene, then? I'll be blunt: accumulation of smegma is not the consequence of being uncut, but rather the consequence of the personal hygiene of a wild boar. Cleaning the penis' gland twice a day with warm water and soap is well within the basic skills of any normal man, and takes one minute per session, tops. So I wonder, are Yank boys too stupid to take care of their willy, or they don't have access to warm water and soap? I thought that was exclusive of the French. And do you honestly want to convince me that a cut but unwashed penis does actually smell like, say, lavender?

It is probably true that excision of small labia for females improves vulvar hygiene and reduces the risk of various infections; but curiously enough - outside the circle of body modders - it is generally regarded as a barbaric practice. Because it does actually leaves women sexually impaired.

The only factual argument in favor of circumcision is that apparently it reduces the risk of STDs, especially AIDS. I think this is likely enough to justify a prectice that has no other real contraindication. The fact that some women, somewhere, find foreskin gross is one of those cultural issues that makes nothing more than an emotional argument.

I did not think that the circumcision issue would expose the most extreme opinions, like abortion; creationism; extermination of the believers in other faiths; semiauto vs. revolver; Mac vs. PC; Ducati vs. Yamaha and blonde vs. brunette do.
What makes the issue so loaded is religion. You see, when you believe that god himself mandated a certain practice, it feels perfectly legit to treat those who disagree as lowly scum. On the other hand, people who don't like religion for their own reasons are ready to viciously attack anything related to it.

And everybody seems to forget that Islam mandates circumcision as well. But everything Moslems do is stupid and backward, don't you know? Even when it's the same that Jews do.

Etichette: , ,


Poor Fat Bastards

The other day I was reading a blog discussion about obesity in young Americans, and I was struck by a realization - already articulated in the comments over there.

The reason that makes poor American the most likely to be obese has little to do with the diffusion of McDonald's and other fast-food chains. Or better, the fast-food phenomenon is only a manifestation of a bigger underlying issue.

The issue is wealth.

My own family has rather humble origins and they (grandparents and parents) suffered some hardship during WWII. They did not starve, thankfully, but their meals weren't very rich. When after the post-war reconstruction Italy had its economic boom in the 50's and 60's, suddenly they were able to buy much more food than ever before. And having abundant meals, rich meat roasts, lasagna dripping with oil, was seen as a liberation - liberation from the near-subsistence diet of my grandparents' youth, from the hardship of the war. It was almost a celebratory rite for the beginning of the Age of Wealth. Of course all that eating made my family fatter (except my dad; he's naturally skinny and very active).

Fast forward a few decades. I visited Indonesia, I've met people from China, the Philippines, Africa... and you know what they have in common? Few of them are fat. In fact, the rubbish scavengers of Jakarta tend to be on the wiry side of things, much like a lot of the immigrants from North Africa. And even in those places, when you see someone big, most times they belong to the middle or higher classes.

Food has never been so cheap and easily available in human history: this is the true root cause of widespread obesity.

For centuries we had either to spend a lot of energy hunting our prey, or gathering fruits and vegetables (Ever tried feeding yourself with the fruit picked from a tree? You should...), or growing them from the soil. We used to spend a lot of the energy introduced with food just to get enough food - and for most of human history only very wealthy people could afford to buy enough food and do very little activity.

But now things have changed. Most of the poor* in developed countries are at least well off compared to the starving Africans or North Koreans: they can afford to buy all the food they want or like.

Enter the fast food. Meals served there aren't really evil, but they present a pretty high energy density - meaning that they pack a lot of calories in a smallish amount. They also are quick (that's more or less the whole concept of fast-food, no?) and pretty cheap. It is also my impression that especiall McDonalds has meals designed not to provide long-lasting satisfaction, but this is a different story.

Moreover, supermarkets often offer low-cost (and doubtful-quality) foods - I still remember with horror the low-cost sausages I bought at Tesco's in London; thank heavens crap like that is nearly impossible to find in Italy - so that you can fill up your fridge with a pretty small amount of money.

The poor are more likely to eat junk food for a couple of reasons. They often are ignorant and uncultured: that means they know little about the characteristics of various products, why it is better to have a varied and blanced diet, why one should limit the intake of certain substances... they lack the knowledge to make informed choices.

But another factor is the spiritual poverty, which is not strictly correlated to material poverty. Is the dysfunctional families, the teenage single mothers, the absent fathers, the lack of parenting, the hopeless life on welfare... who would ever bother to buy fresh food and cook it, there? No, the solution is to take a trip to the nearest fast food or pizza joint and munch on that stuff.

Yes, there can be some cases in which corporations may have played a role by deliberately misrepresenting the nutritional qualitiees of their products, but in my opinion this contribution is small. It is also true that where diet traditionally includes more vegetables and seafood obesity appears to be less common - and people grown eating less calcium (as milk) and proteins are also smaller.

Nanny-statism, regulations and the whole lot won't work unless the state assumes exceptional coercitive powers - that cannot happen, you think?
The only long-term solution will be either deliberate modification of the human body to make it able to deal with a much richer diet and much lower level of exercise; or to wait for evolution to do its job and produce a species better adapted to its environment.

*The definition of poverty is arbitrary. Often, the poor are by definition those with income below a certain fraction of the national average.

Etichette: , ,


Soccorso Ai Clandestini

Domenica ho visto uno strappalacrime servizio del TG3 che dopo avere parlato dei continui naufragi di barconi di clandestini nel Mediterraneo, lamentava il fatto che Malta e Grecia considerano anche il prestare soccorso ai clandestini come favoreggiamento di immigrazione, per cui i natanti di questi paesi tendono ad ignorare naufraghi e cadaveri. Il servizio quindi si conclude con la nota dolente tipo "E così l'umanità è andata persa in mare".

Io invece ritengo che la decisione di Malta e Grecia sia giusta, e ne spiegherò il motivo.

Il soccorso in mare si basa su un principio di buona fede: tu stai andando per mare facendo gli affari tuoi (non necessariamente onesti, si badi) e ti capita un genuino incidente per cui ti ritrovi in pericolo. Chi passa quindi è moralmente tenuto a prestare soccorso.

Dovrebbe invece essere chiaro che i trafficanti non sono in buona fede. Anzi, spesso quello che fanno è approfittare del soccorso altrui per raggiungere la loro destinazione con carrette che altrimenti difficilmente ce la farebbero. Si tratta di comportamenti deliberati, non di incidenti.

In altre parole - usando il linguaggio della teoria dei giochi - i trafficanti barano al gioco. La teoria dei giochi ha trattato estesamente il problema dei bari, ed ha trovato una soluzione, spietata ma sicura: contro i bari si deve usare la rappresaglia; il famoso algoritmo tit-for-tat (occhio per occhio) si è rivelato pressochè imbattibile nei tornei di Dilemma del Prigioniero. Nel caso specifico, non fornire soccorso ai clandestini. Mai, in nessun caso.

Come ho detto sopra, è una risposta spietata, ma l'unica che può far cessare la tattica di sfruttare i soccorsi. No, non farà cessare il traffico di clandestini, di certo. Ma può riuscire a ridurlo.

Etichette: , ,


Archeo Tech

Maybe someone has already coined a term for it, but this one sounds cool to me.

Archeo Tech is a common situation in anime, where a given community owns some artifacts much more advanced than its average technological level. I'm sure there are many cases, but the most notable offenders I have in mind are Nausicaa of the Valley of the Wind and Vision of Escaflowne.

In both we find communities with an average technological level not much above steel swords and chain mail, but Nausicaa uses an individual flying wing to travel around, and the Fanelians own self-powered bipedal combat exoskeletons (mechas).

As far as I recall, Nausicaa gives no explanation for the mismatched technologies, while I've watched only a small part of Escaflowne; from what I gather, tho, the Escaflowne - a most powerful combat suit powered by crystals extracted from dragons - was built by an ancient race.

Another curiosity is that, with rare exceptions (Mononoke Hime) in these alternate universes and timelines nobody has ever developed firearms. But this seems to be a common shortcoming in of the whole fantasy genre.

Archeo Tech isn't really bad in itself, but if not handled well can spoil a show for those with engineer's disease: in our neverending quest to discover how things work we need at least plausible explanations for why the princess of a city-state of medieval farmers can zoom around on a jet-powered flying machine (and where does she get the fuel? Who does the maintenance? You get the idea...). To give you an idea of the level of mismatch, it's like the Taliban owning and employing perfectly efficient B-2 Spirit bombers.

Of course, the story in Nausicaa has a very different focus, so a small incongruence in machinery is no big deal. But in Escaflowne the mechas are a main plot element and therefore contain a much higher screwup potential; I hope their story is developed properly. Because the other elements of that anime haven't really impressed me so far.

There is another egregious case of Archeo Tech - or better, of reverse archeo tech - in The Matrix Revolutions. The human rebels of Zion live in a place which looks a lot like a early-1900 factory stripped of its machinery, while they have very powerful computers and ships with a futuristic (and unexplained) propulsion system. But most notably, their main defensive gear is composed of more self-powered combat exoskeletons which have a distinct vintage look. No, they don't look old and worn, an neither rough for being built in haste with improper tooling. They look like they're made of state-of-the-art Victorian steel beams. But they don't have armor for the pilot. Seriously guys: you went through the pain of manufacturing the whole thing in the first place, fitting a couple of machineguns onto it... and you forgot or couldn't be bothered to add some armor (and communication and targeting systems, but let's not be picky here) for the pilot of a machine designed for fighting?? This is just too silly; inexcusable, even.

Etichette: ,

Hot & Wet

The weather for today, that is...

I don't know what I'll have the energy to do besides vegetating indoors. Probably I should buy a sixpack of lager and a big bottle of soda to make myself some shandy, too.

Update 15:36 UTC: The Parma Airport station reported, at 14:50 UTC, 31 °C, 49% RH and 5 kt wind from variable directions. The situation shouldn't be so terrible, but it feels even worse that when I visited Jakarta. Anyway, beer and soda are in the fridge. Air conditioning? That's for wussies (with a bank account in better shape than mine, too).

Note: Italy's timezone is CET/CEST: UTC+1:00 in winter and UTC+2:00 in summer.

Etichette: ,


Piston Engine

It seems all the rage today to revile piston engines and desperately seek some other device to turn chemical energy into kinetic energy.

But the piston engine is, in fact, a great engineering achievement. It left steam engines in the dust as a matter of energy efficiency and performance (turbine/jet engines are external combustion, and they are marvellous too). In its story slightly longer than a century, it has successfully powered the most disparate vehicles and fixed installations all over the world- land, sea, air; from the scorching heat of deserts to the freezing cold of Antarctica.

Piston engines come in a huge variety of sizes and shapes: from the tiny but fast & furious 2-stroke nitro engines employed in RC vehicles, to the gigantic diesels that move ocean ships around*. This V10 4-stroke petrol engine instead propelled the Ferrari F1 car to its victory in the 2003 championship; it produces some 900 hp at 19 000 rpm and has to last a few hundred kilometers at least. Top Fuel dragsters have supercharged engines that generate over 7000 hp, burning a mixture of nitromethane and methanol as fuel. The downside is, such a monster has to be rebuilt every run even if it doesn't blow up - a not so uncommon occurrence. This aircraft engine made a good deal of difference during WWII.

Small petrol engines, 1 to 2 liters displacement, are the most common power plants for small cars in Europe, Japan and increasingly the USA: they provide good performance, great fuel economy and a durability of 200 000 km; but for maximum durability I suggest an oilfield mechanical rig power engine - slow, but steady and sure.

Piston engines can run on a variety of fuels: hydrogen, methane, natural gas, gasoline, diesel, biodiesel, kerosene (word is that Jet-A makes a passable substitute for diesel) methanol, ethanol, nitromethane... and the low-quality fuels available in backward areas. Also the success of liquid hydrocarbon fuels is easy to understand: they are cheap, do not require advanced technology (at least the basic versions); are easy to handle and store; they are not too dangerous nor toxic - and pack a considerable amount of energy per volume unit.

And let me tell you, against the odds the piston engine will remain with us for quite some more time.

*The article says the engine is built by a Japanese company, but the writing on the signs in the factory is clearly Korean.

Etichette: ,

Tutto è Bene

Quel che finisce bene. Dai commenti:
sono Alessandro Ghioldi (il fondatore di ho trovato solo oggi questo tuo post mentre cercavo altro su internet e ... leggendo il tuo post ho deciso di porre rimedio alla svista del supervisore di quel forum, provvedo io stesso a mettere la corretta citazione al tuo post. Un saluto, Alex
Quindi il problema dell'errata attribuzione di un post sul forum di è risolto, ed apprezzo Ghioldi per la sua gentilezza e professionalità.

Etichette: ,


Men At Work Overhead

Some 300 km above us in fact; they're the Space Shuttle and ISS crew, trying to fix some problems with their respective vehicles.

The Shuttle suffered another case of launch damage to its thermal protection layer; this tear is not thought to be dangerous, but an astronaut will have to g on a spacewalk, staple the torn protective cover together and attach it to nearby tiles.

The very Shuttle launch technique is the main culprit here, with that huge tank shedding insulation fragments. There isn't much that can be done about it short of complete re-design of the whole thing, but the project would be huge (and bloated, as governmental programs usually are); it's not a settled matter whether a re-usable orbiter is in fact better than expendable vehicles.

But the ISS was in worse shape. Besides the need to manually fold an array of solar panels, its control and navigation computers had failed. That means a truly dire situation for a space station; it had to rely on its gyroscopes and the Shuttle's thrusters to maintain attitude control. Finally, the station crew and mission control engineers managed to restart a sufficient number of machines (the system has built-in redundancy, of course). Rumor is that no, they did not have to press CTRL+ALT+DEL.

This is just to remind that things are dangerous out in space, moreso than in the air - which already is a less comforting place than our familiar planetary surface.

Etichette: ,


Take Care Of Your Reptiles

They can get sick too. But I confess, I never pondered the problems of blood-sampling a turtle or radiographing a snake before now. Live and learn, I guess.

Etichette: ,

La Mazza da Hockey ed Altre Distorsioni

Di recente, all'ultimo G8 è stato raggiunto un accordo sul clima - che io non esito a definire auto-congratulatorio - che prevede la riduzione del 50% delle emissioni di gas serra entro il 2050 (rispetto ai livelli del 1990). Senza una politica energetica che faccia un massiccio uso di energia nucleare, non c'è modo di ottenere questa riduzione di emissioni - a meno che lo stato non assuma il potere di decidere quanta energia i singoli cittadini possono usare, e come usarla. E se questo non vi dà i brividi, non so cosa può farlo.

Ma andiamo alla radice della questione, seguendo la linea dell'articolo What is the ‘Hockey Stick’ Debate About?, R. McKitrick, APEC Study Group, Australia, April 2003 (disponibile online qui). L'idea che sia necessario ridurre drasticamente le emissioni antropiche di CO2 ed altri gas serra discende principalmente dal Terzo Rapporto di Valutazione (Third Assessment Report, TAR) dello IPCC, nel quale si afferma categoricamente che il recente riscaldamento globale è per la maggior parte antropogenico.

Questa conclusione è a sua volta basata quasi interamente sulla ricostruzione paleoclimatica di Mann e coautori (MBH99), che mostra una temperatura globale senza fluttuazioni di rilievo dall'anno 1000, seguita da un rapido incremento dal 1900 ad oggi - la "Mazza da Hockey". Il TAR dà un rilievo pressochè sproporzionato a questa ricostruzione, che viene ripetuta più volte in diverse sezioni del rapporto, ed in un egregio caso, viene presentata a colori e con dimensioni molto più grandi di un grafico delle temperature troposferiche, il quale dimostra un andamento assai meno allarmante.

Mentre nello IPCC-SAR del 1995 la ricostruzione paleoclimatica mostra chiaramente il Periodo Caldo Medievale (1000 - 1400) e la Piccola Era Glaciale del 1500 - 1900. Quindi, nel 1997 S. Huang pubblicò una ricostruzione della temperatura media globale dai profili di temperatura crostale che conferma le oscillazioni dell'ultimo millennio; questo grafico però non compare nel TAR, che invece predilige MBH99.

Per spiegare come si sia arrivati ad ottenere questa ricostruzione è necessario addentrarsi un po' nei mendri delle tecniche matematiche utilizzate per elaborare i dati grezzi, e come questi dati vengono ottenuti.

La possibilità di misurare le temperature superficiali con termometri ed altri sensori è relativamente recente: le stazioni meteo più longeve vantano circa 250 anni di misure, ma in un numero limitato di località - mentre le ricostruzioni paleoclimatiche hanno come obbiettivo quello di fornire l'andamento della temperatura media globale. E' quindi necessario impiegare indicatori indiretti (proxy indicators) di temperatura: fra gli indicatori più usati ci sono i profili di temperatura nella crosta terrestre (borehole temperatures) che si basano sulla variazione del flusso di calore crosta-atmosfera causata dalla temperatura di quest'ultima; quindi gli anelli di accrescimento degli alberi (tree rings), il cui spessore e morfologia sono correlati alla temperatura media nella stagione di crescita (ed altri fattori).

Mann et al. hanno usato 1082 serie di temperature e circa 400 fra serie e sotto-serie di indicatori indiretti: ridurre tutta questa mole di dati ad una singola linea (spaghetto, nel gergo tecnico) richiede un considerevole lavoro. Il lavoro inizia con l'analisi dei componenti principali (PC), che riduce diverse serie ad una loro media pesata in modo spiegare il più possibile della varianza (l'andamento, in parole semplici) delle serie originali. In questo modo, dalla matrice di dati originale si ottengono un vettore (PC1) detto componente dominante, ed una matrice dei residui più piccola; l'analisi si può ripetere sui residui ottenendo la componente secondaria PC2 e così via con PC3, PC4 ecc; un numero piuttosto piccolo di PC può bastare a riassumere un vasto numero di serie di dati.

Mann si è rivelato straordinariamente reticente nel fornire i suoi dati di partenza e gli esatti algoritimi di calcolo ai ricercatori interessati a replicare il suo lavoro; alcune manipolazioni dei dati non erano nemmeno spiegate nell'articolo pubblicato su Nature.

Proseguendo nelle loro ricerche, McKitrick ed S. McIntyre hanno poi scoperto cosa effettivamente genera la Mazza da Hockey: l'algoritmo di Mann aumenta artificiosamente il peso delle serie di dati che presentano una tendenza all'aumento dal 1900 in poi. Questo viene ottenuto in un modo sottile: il suo programma standardizza le serie rispetto alla media e deviazione standard della loro porzione successiva al 1900 - non, come è prassi, rispetto alla media e SD dell'intera serie. Quando poi si applica l'algoritmo per l'estrazione delle PC, il peso esagerato delle serie con incremento recente viene caricato sulla PC1.

In altre parole, il metodo di Mann cerca ed enfatizza le "mazze da hockey (MdA)" fra tutte le serie di dati disponibili.

Se i dati di Mann vengono elaborati con le tecniche standard invece del suo algoritmo personale, il recente incremento di temperatura scompare. E d'altra parte, il metodo di Mann estrae MdA anche da serie di dati generate appositamente per contenere solo fluttuazioni casuali e nessuna tendenza a lungo termine.

Ma non è finita qui. McKitrick e McIntyre hanno pure mostrato che il maggiore contributo alla MdA viene da un piccolo numero di serie cronologiche ottenute dagli anelli di una particolare specie di pino californiano, il Foxtail Pine. Il problema è che, secondo quanto affermato dagli (Graybill ed Idso, G-I) autori dell'articolo con i dati su questi pini, la loro vigorosa crescita durante il 20esimo secolo è stata spiegata solo in parte, e non può essere considerata un indicatore affidabile di temperatura. Escludendo le serie G-I dai dati grezzi, anche impiegando l'algoritmo di Mann, la MdA scompare di nuovo.

Quindi, rimuovendo i dati grezzi sospetti (ed un'altra serie usata da Mann che si basa su pochi alberi e riempie un periodo privo di misure per estrapolazione) ed applicando algoritmi standard, la ricostruzione climatica dal 1400 al 1990 cambia radicalmente, mostrando periodi più caldi dell'attuale ed in tempi recenti quello che appare più di tutto il recupero dalla Piccola Era Glaciale.

C'è poi un ultimo fattore da considerare. Lo spaghetto del grafico MBH99 è ottenuto con la smussatura delle serie di temperatura (le PC discusse sopra) su base 40ennale per escludere il rumore ad alta frequenza - le fluttuazioni da un anno all'altro - e mostrare solo le tendenze a lungo termine. Queste tecniche di smussatura non sono ovviamente applicabili vicino agli estremi della serie, dove non si può operare su un intervallo intero. Ci sono diversi metodi per risolvere il problema, ma l'applicazione di un metodo al posto di un altro (diverse condizioni al contorno) può cambiare drammaticamente la pendenza (addirittura il segno della pendenza) dello spaghetto smussato. In particolare, la smussatura di Mann fa passare lo spaghetto per l'ultimo dato della serie.

Per finire, c'è ben poca distribuzione di opinioni fra gli scienziati dello IPCC; secondo le ammissioni dei presidenti Watson e Houghton, lo 80 - 90% di questi scienziati sono convinti che i cambiamenti climatici siano di origine antropica. E' chiaro che in queste condizioni c'è un forte rischio di auto-selezione (cioè, gli scienziati con idee diverse della maggioranza sono poco interessati a prendere parte od entrare nel gruppo) e di "pensiero di gruppo" (groupthink), ovvero una forte pressione ad adottare l'opinione della maggioranza.

Se queste sono le basi per prendere decisioni politiche che causeranno grandi cambiamenti socio-economici a livello globale, c'è un forte rischio di andare incontro ad errori colossali. L'informazione verso il pubblico poi è fortemente orientata verso l'ipotesi del riscaldamento globale antropogenico, che è stata adottata in modo pressochè acritico dai maggiori media. Le voci fuori dal coro sono spesso relegate vicino ai margini.

E' necessario arrestare il processo di decisione politica basato su informazioni incomplete e distorte, per ripartire sulla base di valutazioni serene basate su tutte le informazioni disponibili, che in molti casi gettano pesanti dubbi - se non contraddicono apertamente - l'ipotesi di riscaldamento globale antropogenico.

Etichette: , ,


Unusual Character Development

Steven cites Ubu Roi (a blogger I never read before today, but heard about lots of times) in a post where the former praises his last acquisition, Shingu: Secret of the Stellar Wars.

I haven't watched that even if it sounds interesting; hell, of the series that Steven would suggest I only own Excel Saga (and I'm glad I do) and I am in an agreement with someone to get me Vandread.

Anyway, both Ubu and Steven like series with character development and where the main characters learn something. I confess I'm not so strict: for me, egaging characters do not really have to change. But there is a case of character development that I find extremely interesting and egaging: the evolution of Tachikoma in Ghost In The Shell: Stand Alone Complex (Be warned that spoilers are likely).

The main characters in that series do not change a great deal throughout the series (but we learn more about them ), but the Tachikoma end up being radically different.

These beings begin their existence as small, four-legged sentient battle tanks intended to provide Section 9 with support fire, rapid personnell transport and some other capabilities. At the beginning, their personality is a curious mix of chattiness, childish cheerfulness and curiosity, fearlessness and obedience, and pretty well developed intellect. Their memories are periodically synchronized so that all of them will share the same experiences.

Batou is the member of Section 9 most affectionate to the Tachikoma, and one in particular, while the others regard them as just machines - the Major's opinion remains mysterious until late. Soon, Batou's favourite tank begins to show signs of unusual behaviour. The incident is thought to be caused by Batou giving the Tachikoma natural oil as a gift instead of the prescribed lubricant; the Major thus bans the practice.

But it's not enough: (Jeez, I messed up the chronology) One particular Tachikoma, Batou's favorite, continues developing indipendent spirit, quick-wit and something resembling emotions, which show particularly during his escape and errands around the city. The incident is thought to be caused by Batou giving the Tachikoma natural oil as a gift instead of the prescribed lubricant; the Major thus bans the practice. Later, during an intense firefight the Tachikoma develops a case of battle ecstasy (and greatly enjoys his nose-mounted Gatling gun).

Soon thereafter, the evolution of Tachikomas into individual, self-conscious beings is nearly complete: they develop indipendent personalities (the leader, the one reading paper books and more), the ability to trick and deceive (or at least they try; Kusanagi is no fool) in order to reach goals which have nothing to do with their programming and orders. They discuss the differences between humans and machines - and how extensive cybernetics is blurring the line - and in a statement that leaves Batou speechless, even metaphysics, comparing the concept of god to the concept of zero.

And the Tachikomas also ponder the differences between analog (organic) and digital life, and what it actually means to have a"ghost" - read, soul. And individual vs. collective memories, in a further exploration of what was the main them of the first Ghost In The Shell Movie.

The Major does not like it: she is afraid that the Tachikomas may develop a self-preservation instinct and become exceedingly insubordinate - traits not compatible with their combat roles. So she sends them away to be examined and overhauled.

But the story is not over. When Section 9, and especially Batou, are facing a most dangerous enemy, the remaining Tachikomas heed the call and gather again. Two of them had been turned into laborers while one was still being examined in the lab.

They all head out to where Batou is desperately figting enemies equipped with powerful combat suits, and when the fight turns for the worst, the Tachikomas demonstrate a capability no one could guess: self-sacrifice; deliberately chosing death to save their loved Batou. And that makes them complete individuals, though in a different kind of body.

Etichette: , ,

Opinione Sulle Manifestazioni Anti-Bush

Ecco cosa dedico a chi ha usato l'avvenimento come l'ennesima scusa per commettere violenze e vandalismi. Ed è meglio che mi fermi prima di scrivere cose troppo dure.

L'immagine della mazza ferrata viene da qui.

Etichette: , ,


E Poi Ci Si Lamenta

PALERMO - Un insegnante per punire l'alunno che fa il 'bullo' in classe lo obbliga a scrivere cento volte 'Sono un deficiente' sul quaderno. Ma il genitore del ragazzo l'ha denunciata. E adesso il pm ha chiesto per la professoressa la condanna a due mesi di carcere, pena sospesa, per abuso di mezzi di correzione.
Certo, si tolgono agli insegnati tutti i poteri di punizione e correzione; si lascia che vengano licenziati, denunciati e condannati per un nonnulla... e dopo ci si lamenta anche che la scuola stia andando alla sfascio?

Servono autorità e discplina per educare i giovani - certamente entro limiti di buon senso, ma senza di esse le cose non migliorano di certo. Ed i soliti noti continueranno a cascare dal pero e meravigliarsene.

Etichette: , ,


No Guns Required

A view implicit in many statements regarding the Virginia Tech massacre, or Columbine, is that firearms (and particularly, full-auto assualt rifles or submachineguns) are necessary to commit mass murder, and without them killing a large number of people before the cops will intervene is nearly impossible. But maybe things aren't so straightforward.

One example may be the Rwandan genocide, which has been carried out in large part with machetes (apparently, purchased in bulk from China).

As for the Virginia Tech shooting, according to the official statements Cho fired over 170 rounds from a .22 (Walther) and a 9mm (Glock) semiautomatic handguns in about 9 minutes. Other sources estimate that he had 7 magazines for his Walther and 2 for the Glock: this means that Cho had to manually reaload his magazines at some point - and he could do so without being confronted.

At Columbine, instead, Harris and Klebold carried a variety of weapons, but interestingly no full-auto firearms. What they had, instead, was plenty of homemade bombs of various types. They also used sawed-off shotguns shorter than 26 in., which made them illegal under existing laws.

Anyway, there is another recent story of a massacre perpetrated without guns, but only with a bladed weapon (at least, if reporting is accurate): a man in the Samar province of the Philippines went on a rampage*, killed 10 people, among them many children, and wounded 14 others before surrendering to another villager. The article describes the weapon as a "21-inch-long knife", but I speculate that it may have been something different, a parang or a bolo perhaps (this is, admittely, a minor point).

But then, the response of the lefty elites would be to ban knives too - actually they have already done it.

Note: The post title has been changed from "Guns Required" on 8 Jun.
*It is an altogether different language, but the Malay/Bahasa Indonesia word mengamuk is fitting.

Etichette: , ,


Appropriazioni ed Asimmetrie

Va bene, questa storia comincia ad irritarmi. Controllando i miei riferimenti, ho notato una visita proveniente dal forum del sito Sono andato a vedere il thread in questione, ed ho fatto una scoperta spiacevole: l'utente che ha iniziato il thread, "byg.sistem ®", ha copiato ed incollato il mio articolo Armi, Nel Contesto - esclusa l'introduzione, senza citare né l'autore né la sorgente del pezzo. In sostanza, questo utente si è appropriato di un lavoro non suo - e tra l'altro lo ha modificato inserendo enfasi e faccine come per commento.

Al piede del post su compare la dicitura "", quindi voglio sperare che si tratti solo di un errore in buona fede.

Certamente non pretendo un risarcimento in denaro o che il post venga eliminato; tutto quello che chiedo ai gestori del forum è di inserire un collegamento chiaro e ben visibile all'articolo originale come si trova su questo blog. Ho inviato una e-mail a ma non ho ancora ricevuto risposta.


Le asimmetrie di cui parlo sono quelle fra i trattamenti riservati a Berlusconi (ed associati) e quelli riservati a Prodi. Sarà che sono collocato a destra pure io, ma mi sembra che a parità di azioni e dichiarazioni Berlusconi venga criticato e vituperato molto più di Prodi - in media, poi naturalmente ci sono eccezioni.

Il recente caso Visco-Speciale, per esempio: se fosse stato un ministro di Berlusconi a fare pressioni sulla GdF, ora avremmo girotondi, manifestazioni, strali... L'ha fatto un ministro di Prodi? Va tutto bene, tutto regolare. Berlusconi tiene in riga la sua coalizione con metodi un po' bruschi? Dittatura. Prodi mette a programma la sua autorità di "esprimere in maniera unitaria la posizione del governo stesso in caso di contrasto"? Non si batte ciglio. Prodi ha vinto le elezioni di strettissima misura, e bisogna lasciarlo governare per tutti; Berlusconi le aveva vinte con un margine ben più largo, ma doveva comunque tenere a mente quelli che non l'avevano votato. Sircana viene fotografato mentre parla con un trans: una ragazzata da niente, poveraccio. Berlusconi passeggia con alcune giovani ragazze: eccolo, il porco fedifrago! E potrei continuare.

Insomma, molte persone operano secondo un doppio standard. Anche nella mia stessa famiglia, e se la cosa mi infastidisce spesso preferisco tacere per non finire a litigare. Quello che mi preoccupa un po' è che questa avversione per Berlusconi prende sempre più spesso tinte complottiste, tanto che ogni ogni avvenimento scomodo per Prodi viene attribuito a qualche oscuro complotto berlusconiano - o magari anche americano; tutto tranne che errori se non posizioni radicalmente sbagliate di Prodi e suoi associati.

Dopotutto, Bush Derangement Syndrome e Berlusconi Derangement Syndrome hanno lo stesso acronimo.

Etichette: , ,

Shall We Go Back to Global Warming Now, Please?

Because it has been raining for, like, the whole of the last week. And it's cool for June, and it's cloudy. I had never seen this stuff in June.

I mean, yes, drought and scorching heatwaves are bad in a way, but with this blasted weather I can't ogle skimpy jogger girls at the park! And my plants aren't growing... my grand plans for August are being shot to hell!

So, George and Karl and Don, please order your minions to step on the gas of those Hummers, jeez!

Etichette: , ,


On Healthcare Systems, Briefly

Because I have already wrote one PhD thesis and that was quite enough for a long while.

Yesterday Jeff Goldstein wrote a piece excoriating Bill Maher for his fact-free euology of France - and as one should expect, bashing of the USA. As often happens, the alleged superiority of the Fench healthcare system was among the pillars of the argument.

I'm not interested in delving in the pros and cons of the American and French systems, but I want to tackle some other root issue.

It is wrong to think that healthcare can be completely free: remember, there is no such thing as a free lunch. In other words, resources are required to provide healthcare: facilities, people, drugs, consumables, salaries and so on. These resources aren't going to be created out of thin air; someone has to pay for it (even if the payment does not take the form of cash).

Different countries then have figured out different methods to obtain the required resources. In most of Europe healthcare is socialized, meaning that is financed with taxes imposed on the general population. In the USA instead healthcare is mainly financed by medical insurances or direct payment for received care.

Other countries may also adopt mixed systems in which healthcare is only in part socialized. Here in Italy, we have to pay a small price (called ticket) for many medical services (it was nearly €40 for the firearms license visit, damn them...).

A few small countries are lucky or wise enough to have large natural resources (and administrate them properly) or generate huge public income - maybe attracting banking business with low taxes and largely anonymous operations - that high quality healthcare can be provided at minimal cost for citizens. However, these cases are rare and the rule seems to be small size; this model does not scale up.

Each system has pros and cons, but socialized systems suffer from the well-known problems of free riders, lack of motivation and discipline among the personnel, graft, corruption and more.

Etichette: , ,

Progressivismo Transnazionale

Per superare la barriera linguistica, ho deciso di presentare la traduzione dell'estratto del saggio di Fonte che ho citato in precedenza. Per semplicità, come forma breve dell'espressione "progressivismo transazionale" ho adottato Tranzismo, l'italianizzazione della forma breve inglese "Tranzism".

I concetti chiave del tranzismo possono essere descritti come segue:

Il gruppo di appartenenza prima del cittadino individuale. L'unità politica chiave non è il cittadino individuale, che forma associazioni volontarie e lavora con altri cittadini senza curarsi di razza, sesso o nazione di origine, ma il gruppo di appartenenza (razziale, etnico, sessuale) nel quale uno è nato.

Una dicotomia di gruppi. Oppressori contro vittime, con i gruppi di immigranti visti come vittime. Gli ideologi transnazionali hanno incorporato la dicotomia, essenzialmente Hegeliana-Marxista, dei "Privilegiati contro Emarginati".

Il proporzionalismo di gruppo come obbiettivo dell'"equità". Il tranzismo assume che i "gruppi vittima" debbano essere rappresentati in tutte le professioni in quantità grossomodo proporzionale alla loro percentuale di popolazione. Altrimenti, si ha un problema di "sottorappresentazione".

I valori delle istituzioni dominanti devono essere cambiati per riflettere il punto di vista dei gruppi vittima. I tranzisti insistono che non è sufficiente avere la rappresentazione proporzionale nelle maggiori istituzioni, se queste continuano a manifestare la visione della cultura "dominante". Invece, le distinte visioni delle minoranze etniche, sessuali* e linguistiche devono essere rappresentate dentro queste istituzioni.

Lo "imperativo demografico". L'imperativo demografico ci dice che grandi cambiamenti demografici stanno accadendo negli USA con l'ingresso nella vita americana di milioni di immigranti non-occidentali. Il paradigma tradizionale basato sull'assimilazione degli immigranti nella cultura civile americana è obsoleto, e deve essere modificato in uno che promuova la "diversità" intesa come proporzionalismo di gruppo.

La ridefinizione di democrazia ed "ideali democratici". I transnazionalisti stanno alterando la definizione di democrazia da quella di un sistema di decisione a maggioranza fra uguali cittadini ad una di divisione del potere fra gruppi etnici composti di cittadini e non-cittadini. James Banks, une dei maggiori scrittori di libri di testo per l'educazione, scrisse nel 1994: "Per creare un vero democratico Unum con autorità morale e percepita legittimità, i pluribus (le diverse persone) devono negoziare e dividere il potere." Quindi, la democrazia americana non sarebbe autentica; quella vera si avrà quando le diverse "persone" che vivono entro i confini americani si divideranno il potere come gruppi.

La decostruzione delle narrative nazionali e dei simboli nazionali degli stati democratici dell'Occidente. Nell'Ottobre del 2000, un rapporto del governo criticò il concetto di "Britannicità" e dichiarò che la storia britannica doveva essere "rivista, ripensata oppure scaricata". Negli USA, i proposti "Standard di Storia Nazionale" raccomandavano di alterare la tradizionale narrativa storica: invece di enfatizzare la storia dei colonizzatori europei, la civiltà americana dovrebbe essere ridefinita come una "convergenza multiculturale" di tre civiltà - Amerinda, Ovest-africana ed Europea. In Israele, un intellighenzia "post-Zionista" ha proposto che Israele consideri sè stessa multiculturale e decostruisca la sua identità di stato ebraico. Addirittura il ministro degli esteri israeliano Shimon Peres saltò sul treno post-zionista col suo libro del 1993, nel quale tolse enfasi alla sovranità (nazionale, NdT) e propose "corpi elettivi" regionali, una sorta di UE del Medioriente.

Promozione del concetto di "cittadinanza postnazionale". In un importante articolo accademico, la professoressa Linda Bosniak di Rutgers (Università di stato del New Jersey, NdT) chiede speranzosa: "Possono i sostenitori della cittadinanza postnazionale finalmente riuscire a disaccoppiare il concetto di cittadinanza dallo stato nazionale, nel pensiero politico prevalente?".

L'idea del transnazionalismo come attrezzo concettuale. Il transnazionalismo è lo stadio successivo dell'ideologia multiculturale. Come il multiculturalismo, esso è un concetto che provvedde le elites sia di un attrezzo empirico (una plausibile analisi di ciò che è) sia di una intelaiatura ideologica (una visione di quello che dovrebbe essere). I sostenitori del transnazionalismo ritengono che la globalizzazione richieda qualche forma di governo globale, poichè ritengono che gli stati nazionali e l'idea di cittadinanza nazionale non siano in grado di affrontare i problemi globali del futuro.

Gli stessi studiosi che promuovevano il multiculturalismo ora salutano l'arrivo dell'era transnazionale. Perciò, Alejandro Portes dell'Università di Princeton sostiene che il transnazionalismo e l'immigrazione su larga scala ridefiniranno il significato di essere cittadino degli USA.

La promozione del transnazionalismo è un tentativo di controllare la cruciale lotta intellettuale sulla globalizzazione. I suoi aderenti implicano che uno può essere o al passo con la globalizzazione, e quindi proiettato verso il futuro, oppure un retrogrado antiglobalista. I democratici liberali (che sono internazionalisti, supportano libero commercio ed economie di mercato) devono replicare che si tratta di una falsa dicotomia - che la discussione critica non è fra globalisti ed antiglobalisti, ma sulla forma che le relazioni globali prenderanno nei prossimi decenni: saranno internazionaliste, o transnazionaliste?

Etichette: , ,


Anti-trope Stories, Part 1

I can be a bit of contrarian - maybe you've noticed already. One of the things that uncover the contrarian in me are many of the TV (or anime, whatever) tropes. So, for my own - and hopefully also your - pleasure, I'll write some purely anti-trope very short stories.

That Satellite is Still Mine
The intercom buzzed in the middle of the night:
"Sir, we have one serious situation"
"What is that, Lieutenant?"
"A terrorist groups claims they have taken control of the Space Hornet satellite!"
"Prepare to switch to manual control. I'm coming down"
The General strode into the Mission Control room and stared hard at the Lieutenant.
"Sir, we are ready to switch controls"
He then sat at his commander console, and as soon as he saw the men in Arab robes showing off AKs and laptop computers on the screen, he gave the order:
"Give me manual control. Now!"
In a few seconds, when the status lights began turning from red to green, one of the jihadi techies began looking more and more uncomfortable - while the leader just went on rambling and shrieking about Great Satan, rivers of blood and all the usual stuff.
All the status light turned green, and the General finally opened the microphone:
"You pathetic dumbfucks. My backup manual control works. Thanks for giving us your exact location, and Allah Snackbar".
The General gave the fire sequence order, and five seconds later the panicked faces of the jihadis disappeared into a snowy screen. And for the first time in months the General conceded himself a wholehearted smile.

Da Bomb
"Right mate, they said there's a bomb on this level of the building. So keep your eyes open for it"
"I'm gonna find that bloody thing"
Time passes and the two intrepid rescuers get separated. Then, David calls James on his walkie-talkie:
"I saw no bomb, mate. Just a funny black box with a couple of lights on it. Some little chav pulled a prank on us"
"Yeah, the scums... How's this black box like, tho?"
"It's all black, the size of a shoebox. It's got one red light with POWER beside it and a red one labelled ARMED. Does it look like a bomb to you?"
"Not that much, mate. Shall we go to the local for a pint?"

Get Rid of Him Fast
The got him at last. He expended all the ammo of his MP5, all the magazines of his Glock .40, his survival knife broke and he kicked and punched until he fell exhausted. He left a trail of dead goons in his steps, but in the end the minions of His Excellence in their ash-grey uniforms reminding of Wehermacht soldiers were simply too many. And now, tied and beaten but unbroken, Tony was being taken to His Excellence himself, in his inner sanctum. And that was going to be his last chance; he already managed to slip half of his right hand off the cuff, and mentally rehearsed how to elbow one guard and grab the Uzi from the hands of the other. He only needed a bit more time.
His Excellence strode forward from his lavish throne, his harem of Japanese concubines in skimpy kimonos watching coriously. His Excellence was tall, lean and mean. Obsessed with 80's glam rock, he wore Converse shoes, purple spandex pants, an ammo belt and a black mesh T-shirt. And big platinum blonde curly hair. But he was no joke, and the last man to ridicule his look ended up as the eunuch sex slave of his second concubine. His Excellence held a pump shotgun in hand, almost casually.
One of the guards kicked Tony behind his knees making him fall kneeling in front of His Excellence, who then pointed the shotgun at Tony's face. But his hand was almost free now.
"Tony, I admire you. You've made it so far, you're a worthy enemy. But not good enough."
"Sam, tell me, why all this? Why you want your band to be the only one listened to on the whole Earth? It's insane".
"You know Tony, it's because..."
But at that point His Excellence pulled the trigger, and most of Tony's brain splattered behind him on the mirror-polished floor of Italian tiles. For good measure, His Excellence pumped another round in the chamber and shot Tony again in the back.
"Do you think I'm so stupid to fall for your plan? I have watched enough B-movies".
Then he gestured his chief lieutenant, and his song "I Rule The World" began playing at ludicrous volume sending His Excellence in a paroxysm of air guitar.

Well, with this last story my warped fantasy was taking over. Stay tuned for more - if you've got that special masochistic vein and canes and stilettos simply have gotten old and overused. You know what I mean, no?

Etichette: , ,


Chilli Blues

Early in April I sowed some Scotch Bonnet seeds, hoping to get a few chillies for the summer. But things aren’t going so well.

First, it must be the seeds themselves: they were taken from fruits intended to culinary uses. These chillies were probably picked underripe or just ripe, while good seeds come from fruits allowed to ripen fully, or even overripe, on the vine. Moreover, the ideal temperature for those seeds to sprout is 25 – 30 °C, but I don’t keep the heating so high at home; I found a remedy placing the pots near the hot air exhaust of my computer, and that worked somehow.

Of the first batches of seeds, only a minority sprouted, while a second batch appeared to perform well. However, something – rot, bugs – struck and most younglings of the second batch died. Some plants were stunted and failed to grow and died a while later. It is interesting to notice that of the two seeds I planted later, during the heatwave of late May when temperatures reached 30 °C during the day, sprouted quickly. One youngling died, but the other is definitely vigorous.

So now, of the 25 – 30 seeds I planted at various stages I am left with five plants. Which aren’t growing as fast as they ought to; the tallest is barely 10 cm. Part is my mistake: two of plants suffered from being moved around too much and left on a too hot windowsill; finally I placed them in my loft that acts a bit like a greenhouse and they got better. But the main culprit is weather: during the May heatwave, the chilli plants were having a growth sprint, but now the temperature has dropped to a barely 20 °C high and it has been cloudy and rainy for the last week more or less (so much for those who were preaching that summer would have been the hottest and driest in decades). Caribbean plants like hotter and sunnier weather; I should place them in a heated and lighted greenhouse when the weather is so adverse. But I don’t have one, and while it isn’t prohibitive to build, it doesn’t seem worth it right now.

It appears that bad weather is going to continue for another week; the warm African high pressure should make its comeback between June 7 and 10. Let’s wait and see.

Etichette: ,


Cultura della Libertà

Cos'è questa Libertà, di cui molti parlano ed a parole adorano, ma poi nei fatti maltrattano come il classico marito violento?

Ci sono diverse libertà: quella di fare qualcosa, e quella da condizionamenti e stritture. La seconda libertà, detta negativa, è quella che preferisco. E si manifesta con l'assenza di interventi statali, di leggi e regole - rispecchiando il principio della common law anglosassona secondo il quale tutto ciò che non è esplicitamente proibito è ammesso.

In Italia, mi spiace dirlo, la cultura della libertà negativa è pressoché inesistente. Mentre individui e gruppi sono pronti, anzi entusiasti, di aggiungere una libertà positiva dopo l'altra ad un cumulo già enorme. Ultima della lista, la "libertà" di vedere matrimoni fra gay riconosciuti e santificati da tutta la società, anche i cittadini che non vedono di buon occhio l'omosessualità, e quelli che hanno tutt'altro a cui pensare.

Ma sto divagando. Un esempio di mancanza di cultura della libertà, lampante e terribile nella sua ingenua spontaneità, l'ho visto qualche mese fa in televisione. Penso fosse la trasmissione del pomeriggio di Rai 1 o Rai 2 (è vero che l'ozio è il padre dei vizi...); si parlava dell'abuso di alcol fra i giovani1 e dell'opportunità di vietare la vendita di alcolici ai minori di 14 anni2.

Una delle ragazze intervistate per strada ha detto, parafrasando, "Si sono d'accordo con questa idea. Non servirebbe a nulla, eh, ma penso che lo stato debba mandare un messaggio". A quel punto mi sono cascate le braccia, e quasi quasi anche altri organi. Pensare che lo stato possa ed addirittura debba emanare leggi, e per di più restrittive e proibizioniste, anche quando si ammette che tali leggi sarebbero inutili significa ignorare completamente cosa sia la Libertà; significa anche essere pronti ad accettare supinamente un governo autoritario ed oppressivo che però sia "per i bambini" o "per l'ambiente".

Non ci sono possibilità che l'Italia e l'Europa tutta escano dalla spirale discendente finchè una cultura della Libertà non prenderà piede. Predicatori nel deserto, unitevi!


Sapete che non sono proprio un grande ammiratore de Il Pizzino, ma oggi egli pubblica un articolo interessante per il suo valore storico. Si tratta di una intervista ad Umberto Croppi, una delle figure di spicco dei Campi Hobbit di fine anni '70. Avevo sentito parlare dei Campi Hobbit, ma soltanto in modo neutrale in qualche saggio su Tolkien, od in modo più o meno dispregiativo da sinistra - discutere della destra giovanile italiana senza dover ad ogni passo ribadire la propria superiorità antropologica rimane strettamente proibito in certi circoli.

Continua la discussione su come spartirsi la torta usare al meglio il cosiddetto tesoretto. Io un paio di idee le avrei, invero. Uno, usarlo per ridurre il deficit pubblico: ci si lamenta sempre di quanti sia enorme, per cui ridurlo sarebbe logico. Due, usare quel denaro per dare un po' di ossigeno alle nostre Forze Armate - che sono sì troppo estese e povere di risorse. Ma conoscendo chi c'è al governo, avremo un aumento della spesa pubblica in programmi sociali.

1 E' più o meno dall'epoca romana che si discute del "problema" dei giovani bevitori, o casinisti o quant'altro - e la più vecchia canzone da bevitori conosciuta sembra risalire a 5000 anni fa. Non esattamente una questione nuova.

2 In Gran Bretagna ed in molti stati degli USA, dove c'è un limite di età per l'acquisto di alcol, nessun minorenne beve. No, davvero!

Etichette: ,