The Second Version


Parole vuote

La'ltro giorno stavo camminando per Parma - Via D'Azeglio, per la precisione - quando appese alla ringhiera di un balcone ho visto un paio di lenzuola di Legambiente con il motto "NO ALLO SMOG". E più sotto "Un altro mondo è possibile".

A parte il secondo slogan, che ormai a forza di usarlo ed abusarlo si è consumato come le pastiglie dei freni di una Duna, il principio è anche nobile e condivisibile. Quale persona sana di mente è a favore dell'inquinamento?

Ma rimane comunque uno slogan vuoto, perchè non ci dice nulla sulle origini del problema, e su come affrontarlo. E' qualcosa di efficace da scrivere, declamare o cantare in coro, ma non ha utilità pratica.

Non basta desiderare che lo smog sparisca perchè una mattina ci si trovi con l'aria pura come sul Monte Molinatico - così come non basta desiderare molte altre cose per farle avverare.

Etichette: ,


I Wish This Was a Scam

But it seems to be real. Here's what I found in my mailbox a minute ago:

The Power of Choice: Diversity Businesses Vote on Top Corporations
Southport, Connecticut, November 27, 2006/-- today announced its 7th annual online election for the 'Top 50 Corporations for multicultural Business Opportunities' will be held November 27, 2006 - December 8, 2006. The 7th annual list is produced by, the nation's leading multicultural B2B online portal. The voting business owners based their decisions on such factors as the volume, consistency and quality of business opportunities granted to women and minority-owned companies.[...]

Top Honors for Top Corporations
While other awards and 'top lists' crown companies for overall economic growth, returns to shareholders and similar metrics, the Div50 is an indicator of which organizations provide the best and the most business for diversity-owned companies. In a marketplace that is increasingly as sensitive to diversity as it is to revenues, recognizing the top buyers of multicultural products and services is becoming a natural part of the new socioeconomic food chain. 'Those organizations that buy the most products and services, most consistently, from diversity businesses, and that sustain the most mutually beneficial business relationships with their multicultural suppliers, should be recognized not only by the suppliers but also by the general public' said Kenton Clarke, CEO of
At least, I have applied for a job with one or two companies which are quite far down the multi-culti list...

And this brings me to another serious piece of drek. The posting for UCSF Fellows positions on states with a straight face:
Although the UCSF Fellows Program is eager to consider nominations of all exceptional individuals, we are particularly interested in attracting minorities and women to our campus.
Being Italian may count as minority, but I ain't gonna apply for that position, knowing their intentions. They can stuff their diversity where it does not shine.

Etichette: , ,



Notice- This is not a serious post. Actually, is a bit unhinged...

I've realized long ago that Internet is the place for weirdos. Think of any weird, perverted, stupid, irrelevant thing and you'll be able to find more than you can handle about it with a few second on Google.

So I should not be surprised that people make strange homemade music videos, but some things are just too strange. They mixed Rammstein's song Engel with images from Neon Genesis Evangelion, but I guess that's right, because both song and anime deal with angels. And both NGE's cast and the band are a bunch of psychos. And the video looks cool in the end.

Anime strike again, in a video of Michael Jackson's (you don't need a link here, do you?) Smooth Criminal played on scenes from both Cowboy Bebop and Trigun. But hereby I confess I always had a liking for Smooth Criminal. And altogether ask for pardon.

Then I found a video of Manowar's song Carry On... made with images from the videogame Final Fantasy IX.* Manowar live in a fantasy world, so what's wrong with adding a fantsy videogame to the mix? The wrong is that FF9 is a kind of "soft", cutesy fantasy world. While Manowar's world is... well, like an everlasting Battle of Pelennor Fields, where the Rohirrim ride Harleys rather than horses. And probably wear cowskin briefs too.

Manowar provided the music - Master of the Wind - for another weird video. Which features a naked, smoking-hot swarthy lady in the middle of a desert plain. I knew that Manowar don't exactly dislike feminine beauty, but that looked suspect. No leather, no swords, no bikes? And in fact I noticed the bunny logo in the bottom right corner...yes, they used footage from Playboy TV.** Now, the information you all were waiting for: the girl is credited as Neferteri Shepherd - Miss July 2000.

From wierd to weirder, it's another Rammstein's song, Moskau (which has a rather curious story by itself, because a collaboration with the fake-lesbo-lolicon TATU was rumored long ago; probably the female voices in here are not TATU's, but the label "Rammstein and TATU" stuck). Anyway, the video is made combining the music with images from a videogame, called Hellgate, in which - surprise! - two fighters in futuristic-retro armor shoot, slash and stab at scores of demons, zombies and other hellish creatures. And, even more surprisingly, the female monster slayer has DD boobs and wears a curve-enhancing armor! To complete the works - or to utterly mess up the whole thing - the images at the beginning of the video suggest an analogy between heroic images of communist propaganda and the two fighters of the game. Yes, my brain went in a powerslide.

And like it weren't enough, someone also combined Moskau with stock footage of North Korea. Well, the other videos are weird but fun; this one is genuinely creepy instead.

* Warning, annoying Flash intro and music.
** Do I really need to tell you that it is NSFW?

Etichette: , , , ,


About "Moderate" Islam

Someday I'll maybe write a big post on the issue. For the time being, I think that blogger ZionistYoungster has written an excellent piece. The central argument:

I am charged with disbelieving in the existence of good Muslims: of Muslims who lead their religious lives on the “live and let live” model to which all other
religions today adhere; who may think all human beings should keep shariah law, but leave the conversion of the non-Muslims to such observance to their deity rather than to humans; who are ashamed of their brethren of whom we hear about on the news every day, and think they are giving Islam a bad name; and who view clashes like those in Israel or Kashmir as nationalistic land disputes that can be solved through negotiations, and through concessions from both parties. Such Muslims do exist, and I have never hinted otherwise. However, I see four problems that nullify any Leftist argument that proposes the abandonment of the war, on the ideological front against Islam as well as on the physical front against the Muslims, on the grounds of the indisputable existence of such Muslims. These are the problems:

1. They are a minority.
2. They can turn to the extremist majority any moment.
3. Many professing moderates are extremists
engaging in dissimulation (taqiya).
4. Even true and stable moderate Muslims
are powerless to deal with their extremist brethren.

I think he's right, sadly. I think that it was our moral duty to try to show Muslims the road to Liberty, in Iraq and elsewhere. Well, the road has been shown clearly, but too few have undertaken the journey. Our approach will have to change towards a meaner, "Don't bloody mess with me, or else..." one.

Etichette: , ,

Incidenti Sul Lavoro

Proprio sabato scorso, quattro operai sono morti nell'esplosione ed incendio di una raffineria di olio vegetale. Azzardo una speculazione: secondo me, ahnno fatto il più classico errore nel lavorare su serbatoi di combustibile, ovvero fare alvori di taglio e/o saldatura senza aver prima bonificato e ventilato adeguatamente l'apparecchiatura.

Io ho trascorso diversi anni fra un laboratorio di ricerca e l'altro, quindi ho fatto qualche mese, in diversi anni, come stagionale in una fabbrica di conserve di pomodoro, e per finire poche settimane in una fabbrica di pasta. Poi, ho amici che fanno ogni tipo di lavoro, dal progettista di macchine confezionatrici al muratore al boscaiolo.

La mia esperienza personale e le stori che mi sono state raccontate puntano tutte verso una conclusione - scomoda per molti: gli incidenti capitano principalmente perchè sono i singoli operai a non osservare le norme di sicurezza.

Non usare occhiali in laboratorio (e qui mi dichiaro colpevole anche io); un capoturno che riteneva la procedura giusta per sbloccare una macchina fosse prima premere il pulsante di ripristino e poi rimuovere l'ostruzione manualmente; muratori che indossavano il casco solo nel caso di ispezione; un operaio che per guidare un macchinario durante il sollevamento si era arrampicato su una ringhiera senza alcuna corda di sicurezza (fino a quando il responsabile per la sicurezza non gli ha intimato di scendere immediatamente); un operaio che ha quasi perso un braccio per avere messo le mani dentro un'impastatrice in funzione; linee di produzione talmente protette che ogni minima perturbazione le può bloccare e quindi lavorano con molte delle protezioni disinserite. Eccetera, eccetara.

Molti lavoratori sanno che quello che stanno facendo è pericoloso ed anche vietato, ma lo fanno comunque perchè si risparmia tempo, per comodità ed addirittura per sprezzo del pericolo. Ed anche per quel meccanismo psicologico che ci fa adattare ad ogni routine, e quindi abbassare la guardia.

Certamente non voglio dire che padroni avidi e sfruttatori non esistono, ma la mia esperienza mi dice che questo non è il motivo principale degli incidenti. Ed io personalmente prenderei tutte le precauzioni possibili comunque - per esempio, comprando scarpe antiinfortunistiche di tasca mia.

Vista la situazione, l'unico modo per ottenere qualcosa è di avere responsabili della sicurezza polizieschi, sempre in allerta, pronti a riprendere ed addirittura punire i lavoratori che non rispettino le norme di sicurezza (naturalmente quando l'azienda abbia fatto tutto il suo dovere). Ma ci vuole poco a capire che una simile figura diventerebbe ben presto poco popolare, e non mi stupirebbe vedere qualcuno dei sindacati di estrema sinistra protestare contro un tale stato di cose, per esempio sostenendo che i lavoratori vengono "spiati" o qualcosa del genere.

C'è poi da considerare che certe norme di sicurezza sono cervellotiche ed eccessivamente restrittive, al punto di rendere le normali operazioni quasi impossibili. Quindi, queste norme vengono disattese spesso e volentieri. L'approccio alla normativa dovrebbe essere strettamente pragmatico e tenere conto di tutte le esigenze, invece.

Bertinotti quindi non è riuscito ad evitare (nemmeno ci ha provato, secondo me) di dire le solite vaccate:
[...]Quello che chiamiamo sviluppo anche oggi ha mietuto altre vittime. Ricordarle vuol dire che non possiamo e non dobbiamo rassegnarci a considerare i morti sul lavoro una fatalità». E dobbiamo altresì rinnovare l’appello affinchè la politica e le istituzioni facciano della lotta contro le cause di morte sul lavoro il loro primo impegno.
Sostenere che queste siano vittime dello sviluppo è una posizione ideologica, tipicamente comunista o di quelle parti lì. E non è comunque possibile ridurre a zero le morti e gli infortuni sul lavoro. Non lo dico perchè mi piace vedere gli operai morire; la realtà inevitabile è che tutte le attività comportano un certo grado di rischio (certe più di altre, naturalmente), e non c'è modo di evitarlo. Un professore che lavorava nel mio college un giorno se ne stava sulla spiaggia leggendo un libro, quando un'auto è uscita da una curva della strada più in alto, e gli è caduta addosso uccidendolo. Capite cosa voglio dire sui rischi che si corrono?

Etichette: , ,


Induction, Heuristics and Probability

I began with the intention of writing a post about these heuristic things, but then it expanded to deal with broader issues.

Anyway, a heuristic is a rule or procedure that most of the time but not always works or gives the correct answer. An element of uncertainty is thus inherent to heuristics.

We use heuristics all the time, even without realizing. For example, when deciding how much to drink before getting completely wasted. That's a rule born out of those times when you were puking your guts out in the wee hours, and it generally works. But not always, because response to alcohol intoxication is highly variable. Three B-52 cocktails in a row will probably wreck you most of the times, but on one special night they may not.

Induction is something that comes naturally to us humans and even inferior animals (while deduction is our exclusive). In the words of old good Steven:
Deduction is prissy; it refuses to play unless it knows it can win. It requires sufficient information of high reliability, and when that is available it yields an answer which is nearly certain. Otherwise it refuses to play, yielding nothing. Induction is more freewheeling; it deals in probabilities and works with data of doubtful quality; it judges likelihoods and comes up with answers based in inadequate data. It extrapolates. It includes guesses. And sometimes it gets the wrong answer. But it is much more broadly applicable than deduction, and can often get the right answer in cases where deduction refuses to even make an attempt.
All this is not abstract speculation, but it has important implications in the real world. Science is thoroughly based on induction (while mathematics is deductive): so it's true that evolutionary theory is not proven, in the same fashion that relativity theory and transition state theory are not deductively proven. But using induction, there is enough evidence to hold all these theories as virtually indistinguishable from facts.

A cardinal concept here is probability. How probable is that your heuristic will give the correct answer (or the wrong one)? At what probability threshold a theory becomes nearly indistinguishable from fact? At the other end of the scale, when does it become utterly unbelievable (not to say total crap)? The truth is that there are no objective, absolute answers for the two latter questions.

I see too many people, from all sides, who seems unable to realize that they're using induction and heuristics to reach their conclusions. Thus, they present them as certainties while in fact there is a margin of error. And oddly enough, many of these people don't like to be called upon that. They are ready to cast accusations of "handwringing" or "being an EUrowussie" - when they are on the right side; from the left, the reactions are just ignoring your objections and proceeding with the agenda, or accusing you of being a servant of The Man or even racist (it makes no sense).

I don't want to teach people what to think; I very much prefer to see different opinions - though I am under no obligation to like or respect any of them or to consider them all worth the same. But I'd like to give my little contribution to teach people how to think and make an argument correctly, and realizing the distinction between induction and deduction is an important part of the process.

Etichette: , ,


About Torture

The unpleasant truth is that torture and related techniques (of which I'll talk later) do work. Not as well as in the movies, where a few seconds of pressure are enough to make criminals spill their beans; but neither they yield useless garbage as anti-torture absolutists say.

It is all a function of how well it's done.

In order to persuade someone to talk, the proper combination of carrot and stick has to be employed, as usual.

Yes, torture intended as severe physical or psychological torment produces disinformation at least sometimes, because people in serious pain are willing to do anything to make it go away. However, professional interrogators do know this, they aren't dumb sadists.

That is why interrogators developed less brutal and more subtle techniques to break one's resistance. These techniques go under the general name of coercitive interrogation, and are very varied. They are stress positions (uncomfortable positions such as kneeling while keeping your arms open at shoulder level); loud music - often of a type or subject particularly disliked; hot or cold rooms; cold showers; sleep deprivation; strip-tease or lap-dance numbers (for gynophobic prisoners); forced proximity with objects or animals regarded as unclean; insults and harsh comments on virility or sexual prowess or deeply held beliefs; clever tricks (such as making the prisoner think they are in a different place, or they have lost the war etc); threats of violence and up to fake executions (such as shooting a pistol close to the prisoner's head) and techniques like waterboarding, which is a fake drowning. It is also up to the interrogators to modify, adapt and improve their techniques for specific conditions.

There is no doubt that being subjected to these methods is unpleasant, but that is a feature, not a bug. It is necessary to put some pressure onto people to make them reveal information they want to keep secret instead. And these techniques work, leaving the subjects I won't say untouched but less damaged than with an iron maiden, for example. And I would be more than willing to force even in innocent Muslim to listen to Christina Aguilera at ludicrous volume if it can prevent my men from falling into an ambush.

It seems that the very definition of torture is being diluted and dumbed down to incorporate about everything done by American interrogators. Of course, there are vast grey areas, but in my opinion it is ridiculous and dishonest to put "sexual harassment" in the same league with amputation of limbs. And please don't ask me why, ok?

And now a few words on the prisoners themselves. Jihadis aren't teenage pickpockets. They are religious fanatics convinced that fighting the infidel by any means is their duty and glory. Nearly all of them are strongly determined, though, mean and deeply hostile. At least some received training, even anti-interrogation, and have combat experience. They won't talk if you just ask pretty please; more likely they will stab you in the back if you just let the guard down. Remember Nikita and her pencil? Jihadis have done that and worse.

Etichette: ,


Ancora Sulle Armi

E' finalmente arrivato il momento di continuare la discussione sulle armi da fuoco che avevo iniziato qualche tempo fa. Abbiamo stabilito, spero senza lasciare dubbi, che le armi da fuoco non sparano da sole ma hanno bisogno di essere azionate da qualcuno.

Le armi da fuoco sono attrezzi. Certo si tratta di attrezzi costruiti per uno scopo specifico: lanciare proiettili ad alta velocità. Questi proiettili possono uccidere e ferire a grande distanza, e questo rende le armi da fuoco sostanzialmente diverse da altri attrezzi potenzialmente letali, come possono essere cacciaviti od accette.

Uccidere però non è l'unica ragione possibile per lanciare proiettili. C'è anche il tiro al bersaglio, che è uno sport che richiede molta concentrazione ed attenzione, ma non comporta contatto o sforzi intensi, non richiede particolari doti fisiche e può quindi essere praticato da quasi tutti. E se qualcuno mi chiede perchè proprio il tiro al bersaglio, io posso sempre ritorcere "Perchè briscola o scacchi?"

Una linea di pensiero comune è che la disponibilità di armi (non solo da fuoco) renda le persone più aggressive e pronte combattere. Tuttavia, pure una stundentessa di psicologia mi ha ammesso che questa ipotesi è molto difficile da provare. Ma io penso che questo sia in parte vero: il processo di prendere una decisione si basa su intenzioni e capacità, e certamente un'arma da fuoco offre maggiori capacità. Tuttavia, questo non è sempre negativo: sapere di poter contare su una pistola nel caso che le cose vadano male può dare la confidenza necessaria ad intervenire per interrompere un crimine in atto, ad esempio.

A mio parere, possedere una pistola senza saperla usare in modo sicuro ed efficace è peggio che essere disarmati. Ho visto il filmato di una rapina in una gioielleria (penso proprio in Italia) durante la quale il gioielliere ha esploso tutti i 5 o 6 colpi del suo revolver contro un rapinatore, che se ne stava ad un paio di metri di distanza lanciando oggetti, senza colpirlo una sola volta. Questo è assolutamente intollerabile; se si decide di sparare ad una persona a quella distanza, essa se ne deve andare via in barella per lo meno. E' necessario studiare un po' di teoria delle armi da fuoco, e quindi spendere un certo tempo al poligono di tiro - oltre il poco richiesto per ottenere il certificato di abilitazione. E' necessario rivolgersi ad un istruttore che insengi non solo a mirare correttamente e produrre rosate strette, ma anche ad estrarre velocemente, acquisire il bersaglio e fare fuoco. Abituarsi al rinculo, rumore e vampa dello sparo. Seguire sempre, scrupolosamente, le norme di sicurezza e di corretto uso delle armi. Finchè queste azioni diventino automatiche ed quasi inconscie; finchè non si veda soltanto un bersaglio da colpire invece che un'altra persona.

Si, questo è spietato. Ma sto considerando il caso in cui la decisione di aprire il fuoco sia già stata presa. Da quel punto in poi, è meglio fare in modo che sia l'altro a finire dentro una bara - e se non si è pronti a farlo, è meglio non estrarre nemmeno la propria arma. No, non sto necessariamente dicendo di sparare per uccidere senza preavviso (la legge italiana richiede di non farlo, anche); tuttavia non sempre è possibile mettere in fuga un criminale con le minacce od un colpo di avvertimento (non è poi così facile sparare colpi di avvertimento; bisognerebbe addestrarsi allo scopo). A quel punto, bisogna sparare per uccidere.

Ed effettivamente colpire una persona è qualcosa per la quale non ci si può preparare davvero. Solo pochi (fortunatamente) riescono ad uccidere senza patirne conseguenze; la maggiore parte delle persone ne rimangono segnate in qualche modo. Tuttavia, penso sia preferibile essere vivi, o non essersi arresi alla violenza di un crimine, anche se questo comporta svegliarsi la notte per gli incubi. D'altra parte, mentre ritengo che l'autodifesa sia un diritto fondamentale, non ho mai pensato che un diritto si possa esercitare senza dover pagare un prezzo. Il prezzo della libera espressione è trovarsi esposti ad idee offensive; il prezzo dell'autodifesa è sapere di avere ferito od ucciso un'altra persona. Sapere che questa persona voleva farci male per prima non sempre alleggerisce il peso da portare.

Ma l'atteggiamento immaturo ed infantile è pensare che si possa vivere una vita senza dover avere responsabilità, pagare prezzi ed anche portare pesi. Meentre gli adulti hanno capito che non è così.

Etichette: , ,


Dangers of Extrapolation

Extrapolating is something we do very frequently, even at a rather subconscious level - it is correlated to inductive logic too. But there are dangers within extrapolation that one should be aware of.

In mathemathical terms, extrapolation can be defined as follows. We have a function y=f(x) which expression is known for a given interval of x, from x1 to x2. Extrapolation measn assuming that the expression of f(x) will be the same also for x out of the considered interval. In this way, for x3 we will simply have y3 = f(x3).

The obvious risk is that the expression of f(x) may not be the same out of the interval where it is known.

For example, if we did experimental measurements of some property in certain conditions and found a mathematical correlation, there is no guarantee that in different conditions said correlation will still be valid. In fact, in the scientific and engineering literature there are many examples of equations valid only in a given range of variables, or which require different coefficients for different ranges.

This means that results obtained through extrapolation should be taken with a grain of salt, because they can be amply different from reality. To make a pedestrian example, many saving bank accounts offer different interest rates for different amounts of money. Extrapolating the interest calculated for 1000€ to 10 000€ would thus give the wrong result.

Sure, not all extrapolations are the same: some can be taken with more confidence than others. However, the recommendation is not to extrapolate unless there is no other way.

An interesting twist is when the variable x is time. Extrapolating here means assuming that the time-trend of some quantity will remain the same. If the trend changes, the results of extrapolation will be wrong. Hence, infamous fiascos such as The Population Bomb.

Another complication is that, in the case of natural phenomena, often the function f(x) is obtained using regression or fitting techniques, which introduce errors by themselves. Using these functions for extrapolation then adds doubts to errors.

Extrapolation is a useful technique, but saddled with considerable inherent uncertainty.

Etichette: , ,


Rules to Live By

Growing into an adult, I realized the great wisdom contained in the Latin motto repetita iuvant. Certain concepts must be repeated to the point of indoctrination.

1. Correlation is not causation.

2. Assumption is the mother of all screwups.

3. Top-rank engineers are there because they don't even tell the colour of their socks before gathering relevant evidence.

4. It is impossible to completely fool-proof anything.

5. The perfect is the enemy of the good.

6. Good, Fast, Cheap. Pick 2.

7. The plural of anedocte is not data. (Added later)

Thanks also to Kevin. Now go and write each of these 100 times on the blackboard.

Etichette: , ,

Official Opening / Apertura Ufficiale

Hello readers, The Second Version is officially opening now. This is simply the continuation of my old blog, The Italian Version - which will not be updated anymore but nevertheless will remain online.

There will be some changes: besides the template, I will provide shorter link list and blogroll, limited to the websites I actually read with some regularity, and those which have truly important content. An (U) before the blog name means it has been updated recently.

For the rest, it'll be myself again. Have a pleasant read!

Salve lettori, The Second Version apre ufficialmente. Questo blog è semplicemente la continuazione di The Italian Version, che non verrà più aggiornato ma rimarrà comunque disponibile.

Ci saranno alcuni cambiamenti: a parte il modello del sito, la lista di collegamenti ed il blogroll saranno più corti - effettivamente limitati ad i siti che leggo con una certa regolarità e quelli che hanno un contenuto veramente importante. Una (U) davanti al nome del blog significa che è stato aggiornato di recente.

Per il resto, sarò di nuovo me stesso. Buona lettura!

Etichette: ,


Droghe e Dintorni

Monsoreau ha scritto un articolo nel quale elenca i suoi punti fondamentali della Destra. Mentre sono generalmente d'accordo, c'è un punto sul quale proprio non ci riesco:
27) repressione del fenomeno droga punendo drogati e spacciatori (l'ordine non è casuale) il cui posto è la galera (per gli italiani) e l'espulsione verso il loro paese di orgine (per gli extracomunitari)
L'autore quindi spiega meglio la sua posizione nei commenti:
27) per me i drogati restano, come in altro campo i corrotti, i principali responsabili per loro intrinseca debolezza. Spacciatori e corruttori non fanno altro che approfittare di una deriva morale di drogati e corrotti.
Io la penso in modo completamente diverso sull'argomento droga. Per prima cosa, definizioni: nel ocntensto di questo articolo, droga è ogni sostanza che può alterare il funzionamento del sistema nervoso. Quindi, non solo le solite anfetamine, cocaina, eroina, cannabinoidi eccetera; ma anche nicotina, etanolo, caffeina (che sono sostanze culturalmente tollerate se non apprezzate in Italia) e perfino sostanze endogene come l'adrenalina.

Perchè la gente fa uso di droghe? Parte della risposta è veramente disarmante: perchè le droghe, almeno inizialmente ed a certe condizioni, producono sensazioni piacevoli. Perchè lo sballo è bello, per dirla in modo più popolare. I problemi seri, i danni, il diventare roboso o fulminato arrivano eventualmente più tardi.

L'uso di droghe da parte degli umani è documentato da migliaia di anni (nella Bibbia si menziona come Noè si inebriò con il vino), e ci sono pure casi di animali che assumono etanolo (dalla fermentazione di frutti) ed altre droghe naturali in modi che non sembrano per nulla accidentali. Cosa se ne può concludere?

Personalmente, conlcudo che gli umani (perlomeno) hanno bisogno di fuggire, ogni tanto, da una realtà che spesso e volentieri è dura ed insoddisfacente. Quindi, per distanziarsene c'è chi usa droghe esogene (questi sono comunemente chiamati drogati), altri che usano droghe endogene (la "botta" di adrenalina di chi pratica sport estremi o mestieri pericolosi); qualcuno meditazione e tecniche simili; ed altri che riescono a trovare la loro realtà alternativa in un libro o film.

Questo fuggire dalla realtà può passare dal fisiologico (come potrebbe essere bere un paio di bicchieri di troppo, o fumare una canna, al sabato sera) al patologico - ovvero, all'incapacità di vivere nel mondo reale, e quindi rifugiarsi in modo quasi-permanente nel mondo irreale delle droghe (ci sono anche altri mondi alternativi, ma esulano dallo scopo di questo articolo). E' chiaro che queste persone facilmente diventano improduttive se non parassite della società.

Altre persone usano droghe per esigenze specifiche: stimolanti per restare svegli ed allerta; nicotina per combattere nervosismo e stress; oppiacei contro il dolore.

Certamente diventa difficile talvolta tracciare un confine netto fra uso fisiologico e patologico delle droghe, e questa è una questione importante.

In pratica, quello che propongo di fare è di rivedere la legislazione in senso liberale, abbracciando i concetti di responsabilità personale e diritti di proprietà.
Penso che provvedimenti recenti come l'aumento della dose personale finiscano per essere soltanto un regalo agli spacciatori e trafficanti (e Caruso resta un imbecille pericoloso, invece che un utile idiota). E' anche vero che nessun ammontare di persecuzione e prevenzione sembra capace di sradicare l'uso di droghe, e nemmeno ridurlo. Contrabbando di alcolici in Iran e paesi arabi; uso diffuso di cannabis fra i giovani americani... ci sono molti esempi di politiche fallite.

Per quanto riguarda la cannabis, io sostengo la legalizzazione totale dell'autoproduzione e consumo; quest'ultimo però solo all'interno di proprietà privata. In pratica, sarebbe legale coltivare marijuana in giardino e consumarla a casa propria o di amici consenzienti, ma non per strada od al parco pubblico. Naturalmente, ci dovrebbero essere anche sanzioni certe e piuttosto pesanti per chi mette a rischio la vita altrui per esempio guidando mentre intossicato.

Con questi provvedimenti, la quantità di consumatori di cannabis potrebbe aumentare leggermente - ma da quanto vedo, è già estremamente facile procurarsela. Inoltre, se fate un giro per i coffee shop di Amsterdam vi accorgerete che la maggior parte dei clienti sono turisti, non olandesi. Tuttavia, con questa svolta legislativa si taglierebbero le gambe al traffico internazionale, che non avrebbe motivo di esistere dove l'autoproduzione sia consentita. Quindi meno crimine, meno soldi per organizzazioni criminali e forse anche terroristiche.

Etichette: , ,



Functionality test post